Il punto meteo

La neve dimentica la Lessinia e il Baldo: tanta pioggia anche in alta quota

La pioggia caduta per tutta la notte ha rovinato parte del manto nevoso accumulato
Neanche due centimetri di neve in Lessinia: qui il Rifugio Primaneve stamattina
Neanche due centimetri di neve in Lessinia: qui il Rifugio Primaneve stamattina
Bosco Chiesanuova (Pecora)

Tanta pioggia in pianura (su Verona quasi 20 millimetri) e, purtroppo, anche in Lessinia e sul Baldo fino a quote prossime ai 2 mila metri. Lo scirocco di ieri sera, con termometro a 12 gradi in piena notte a Verona (quasi un record per dicembre) annunciava del resto un peggioramento importante ma soprattutto nevicate importanti per l’arco alpino, più che mai affamato di neve dopo un’annata raramente tanto arida e calda. Neve che ha però dimenticato il veronese e più in generale tutto il Veneto, per lo meno a quote medio-basse.

I tiepidi venti adriatici hanno portato infatti molta pioggia per tutta la notte fino ai 1800 metri del Monte Tomba grazie a temperature positive fino a 2 mila metri, rovinando parte del manto nevoso accumulato grazie alla generosa nevicata di dieci giorni fa. Pioggia anche sul Carega, quasi fino alla sommità del monte. In mattinata, dopo l’ingresso di correnti in quota più fredde da nordovest, un po’ di neve è riuscita a cadere a tratti per qualche ora oltre i 1500 metri ma con accumuli irrisori (meno di 2 centimetri) anche per effetto della temperatura rimasta su valori di poco positivi (circa 1 grado).

 

Le previsioni per il pomeriggio

Il transito perturbato volge ora al termine. Nel pomeriggio le precipitazioni cesseranno quasi ovunque per riprendere debolmente nel corso della prossima notte. Un nuovo peggioramento a carattere sciroccale entrerà in scena giovedì prossimo, giorno dell’Immacolata, a partire dal pomeriggio. Dalle prime indicazioni, cadrà ancora una volta molta pioggia fino a quote molto elevate. Da escludere, quindi nevicate importanti per la montagna veronese per almeno una decina di giorni se non oltre. Anche in pianura, il freddo invernale rimane al momento lontano. 

Alessandro Azzoni

Cliccando sul tasto “Abbonati” potrai sottoscrivere un abbonamento a L'Arena e navigare sul sito senza accettare i cookie di profilazione.

Se preferisci invece continuare ad avere accesso gratuito a parte dei contenuti del sito, sostenendo comunque il lavoro dei giornalisti, tecnici e grafici de L'Arena, accetta i cookie di profilazione cliccando "Accetta e continua": ti verranno mostrati annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy.

Abbonati