2 milioni e mezzo di euro

Mondiali Italia '90, a trent'anni dagli espropri disposto il risarcimento ai privati

Il Tar del Veneto e la Corte d’Appello di Venezia con due recenti sentenze hanno stabilito che il Comune debba procedere: «Ora va approvato in Consiglio il riconoscimento di debito fuori bilancio»
La bretella di collegamento fra il casello di Verona Nord e il centro, eredità dei Mondiali di calcio di Italia 90
La bretella di collegamento fra il casello di Verona Nord e il centro, eredità dei Mondiali di calcio di Italia 90
La bretella di collegamento fra il casello di Verona Nord e il centro, eredità dei Mondiali di calcio di Italia 90
La bretella di collegamento fra il casello di Verona Nord e il centro, eredità dei Mondiali di calcio di Italia 90

Ad oltre 30 anni dagli espropri eseguiti per la realizzazione delle opere urbanistiche collegate ai Mondiali di Italia ’90, il Comune di Verona è chiamato oggi a corrispondere più di 2 milioni e mezzo di euro a dei privati ricorrenti, come disposto dal Tar Veneto e dalla Corte d’Appello di Venezia con due recenti sentenze in merito.

Per far fronte al nuovo importante impegno di spesa la Giunta, su proposta dell’assessore al Bilancio Michele Bertucco, ha licenziato per l’esame del Consiglio comunale due proposte di delibera per il riconoscimento di un debito fuori bilancio pari alla cifra da corrispondere.

Gli espropri e i costi

Nello specifico si tratta di 1.888.624 euro da corrispondere alla ditta Agricola Cooperativa San Massimo Società cooperativa, oggi di proprietà della Società Agricola Meneghelli Aldo & Figli S.S., per l’esproprio di complessivi 2.700 mq. di superficie effettuato in occasione della realizzazione della strada ‘Mediana’ a San Massimo.

Ancora, di 805.780 euro da riconoscere ai privati Fiorio e Recchia quale valore economico dell’area di 7.500 mq. espropriata dal Comune per consentire la realizzazione i parcheggi A, B, C, il Palazzetto tennis-tavolo in zona Stadio e la Tangenziale Ovest.

«Si tratta di debiti collegati ancora agli interventi effettuati per i Mondiali del ’90 – ha evidenziato l’assessore Bertucco –, parliamo quindi di epoche storiche e politiche molto lontane. Sono arrivati a compimento, purtroppo a sfavore del Comune, alcune azioni avviate dai privati. Si tratta ora di approvare il riconoscimento di debito fuori bilancio per la copertura di oltre 2 milioni e mezzo euro di sentenze, che il Consiglio comunale dovrà approvare, probabilmente nella seduta del 22 dicembre. Chiuderemo così delle vicende che si sono trascinate per tantissimi anni. Si tratta di azioni molto complesse. Ora dovremo utilizzare l’avanzo di amministrazione libero per poter procedere, perché se non lo facciamo nella prima seduta utile, continuano ad aumentare gli interessi a scapito e a sfavore dei cittadini veronesi».