L'11 gennaio presso i Missionari Comboniani

Dalle carovane di sale agli aerei di cocaina: si parla di Sahel ai «Martedì del Mondo» con Aime e De Georgio

.
Incontro sul Sahel ai «Martedì del Mondo»
Incontro sul Sahel ai «Martedì del Mondo»
Incontro sul Sahel ai «Martedì del Mondo»
Incontro sul Sahel ai «Martedì del Mondo»

Si parlerà del Sahel, la vasta area geografica che attraversa dodici stati, dal Senegal all’Eritrea, da tempo alle prese con sfide climatico-ambientali, assetti sociopolitici fragili e conflitti tra allevatori e coltivatori, nell'appuntamento dell'11 gennaio alle 20,30 dei «Martedì del Mondo», dal titolo «Le regole del Sahel», nella Sala Africa dei Missionari comboniani, in vicolo Pozzo 1 (accesso con Green pass e mascherina), e online sul canale YouTube dedicato .

 

Il Sahel è una regione di cui l'Europa conosce poco, tranne forse le azioni dei gruppi armati jihadisti affiliati ad Al-Qaeda nel Maghreb islamico, ai Boko Haram e allo Stato islamico nel grande Sahara. Eppure è da qui che la cocaina transita verso l’Europa. È questa la macro area africana dove convergono gli investimenti e le interferenze di Unione europea, Cina, Emirati Arabi Uniti, Turchia. Ed è proprio il Sahel a essere diventato la frontiera sud dell’Europa che foraggia i governi locali perché blocchino il flusso dei migranti.

Ne parleranno Marco Aime e Andrea de Georgio, autori del libro «Il grande gioco del Sahel. Dalle carovane di sale ai Boeing di cocaina». In studio la giornalista di Fondazione Nigrizia, Jessica Cugini.

Marco Aime, antropologo e scrittore italiano, docente di antropologia culturale presso l'Università di Genova, che collabora da anni con la rivista comboniana Nigrizia; · Andrea de Georgio, giornalista freelance che vive in Mali dal 2012. È Ispi associate research fellow su terrorismo nel Sahel e islam dell'Africa e collaboratore di Nigrizia (in collegamento).

In apertura, come di consueto, le Brevi dal Mondo curate da Raffaello Zordan della redazione di Nigrizia. Durante la serata vi saranno contributi di missionari e migranti che hanno attraversato il Sahel.

 

D.B.A.