Nuovi contributi

Dal Comune un bando per famiglie e anziani in difficoltà per il caro-bollette

Tante le famiglie in difficoltà per i rincari delle bollette
Tante le famiglie in difficoltà per i rincari delle bollette
Tante le famiglie in difficoltà per i rincari delle bollette
Tante le famiglie in difficoltà per i rincari delle bollette

In arrivo un nuovo contributo per far fronte al caro bollette. Palazzo Barbieri ha infatti stanziato ulteriori 800 mila euro per sostenere le famiglie veronesi messe in difficoltà dal rincaro dei prezzi legato alla guerra in Ucraina e in particolare da quello dell’energia, che si traduce con bollette raddoppiate. Il bando sarà pubblicato subito dopo Pasqua e si aggiunge a quello di fine anno che aveva già distribuito un milione per i rincari di energia e gas e sostegno agli affitti.

Ad ogni nucleo famigliare che ne avrà diritto, sarà erogato un contributo di 500 euro. Nel giro di pochi mesi, quindi, l’amministrazione è intervenuta a sostegno dei veronesi con circa 2 milioni di euro, interventi straordinari che si aggiungono a quelli che quotidianamente vengono erogati dai Servizi sociali per sostenere i vari bisogni della popolazione.

Nuovi requisiti per accedere al contributo. Per raggiungere il maggior numero di cittadini in difficoltà, sono stati aggiornati i requisiti previsti dal bando. In particolare, è stato alzato il parametro relativo all’Isee, che passa da 9 mila e 15 mila euro. Un ampliamento della fascia Isee che risponde alla volontà di individuare quei veronesi che, a causa del protrarsi della situazione, potrebbero arrivare alla soglia della povertà e che, fino ad ora, non hanno dovuto chiedere aiuto.

Over 65. Sono circa 66 mila gli over 65 residenti nel territorio comunale. Massima attenzione quindi agli anziani, in particolare a quelli che vivono soli e che difficilmente, senza aiuti, possono far fronte alla situazione attuale e al suo prolungarsi. Per loro, come già avvenuto in tempo di Covid, la macchina dei Servizi sociali si è già messa in moto. I circa 1100 anziani già seguiti con le forme dell’assistenza economica e di quella domiciliare, saranno infatti contattati direttamente dagli operatori sociali per verificare se rientrano in graduatoria e poter ottenere il sostegno economico. Il precedente bando per il caro bollette ha visto assegnare contributi a 35 beneficiari anziani, pari al 20,35 per cento delle domande.