Il reportage

Bonus trasporto, code e sportelli chiusi nel primo giorno. Caso Spid, poi si sblocca tutto

CODE PER BONUS TRASPORTI (FOTO MARCHIORI)

Code, disagi e pure qualche protesta. Erano pochi, ieri, gli sportelli attivi per il tanto atteso «clic day», il primo giorno utile per poter usufruire del bonus trasporto di 60 euro messo a disposizione dal governo.

A fine giornata gli abbonamenti sottoscritti utilizzando l’agevolazione sono stati un centinaio, tutti agli sportelli di Verona, Garda e San Bonifacio. Nessuno invece in quello di Legnago.

Disagi Le code, oltre che per la procedura macchinosa, si sono create anche per le protese di parte del personale di Atv. Per le operazioni, infatti, è necessario che chi sta allo sportello debba entrare con il proprio Spid nella piattaforma del ministero, passaggio utile per verificare che il Qr code presentato dagli utenti sia valido. La stessa procedura va ripetuta ogni volta che si deve sottoscrivere un nuovo abbonamento. Proprio per questo invece di esserci diversi sportelli attivi, fra città e provincia, ieri ce n’erano solamente tre: uno a Verona, uno a Garda, uno a San Bonifacio e, appunto, nessuno a Legnago. Sono stati diversi, infatti, gli operatori che nel primo giorno della campagna del bonus trasporto si sono rifiutati di accedere alla piattaforma con il proprio Spid. Tanto che nella Bassa l’intero ufficio è rimasto chiuso.

Le indicazioni a Atv sono arrivate martedì, troppo tardi - spiegano dall’azienda di trasporto - per potersi organizzare in maniera congrua. «Nonostante queste difficoltà», sottolinea Stefano Zaninelli, direttore di Atv, «siamo stati i primi in Veneto ad aprire, abbiamo deciso di garantire lo stesso questo servizio. In altre città hanno scelto di rimandare tutto di una settimana. Sapevamo, comunque, che ci sarebbero state delle difficoltà». È servito un incontro, tenuto ieri pomeriggio con le sigle sindacali e l’azienda, per superare la questione: «Non dovrebbero più esserci problemi. Con l’accordo che abbiamo siglato gli operatori sono tenuti ad utilizzare il loro Spid». In questo modo da oggi anche lo sportello di Legnago sarà operativo. «Da domani (oggi, ndr) dovrebbero già esserci cinque, sei sportelli fra città e provincia. Entro un paio di giorni dovremmo essere a regime», aggiunge il direttore.

 

Code allo sportello Atv (video Marchiori)

 

Sindacati «Quello raggiunto ieri», spiega invece il sindacalista Stefano Ferrari di Faisa-Cisal, «è un “accordino“. La preoccupazione più grande per chi sta alla biglietteria era la privacy. Siamo riusciti a salvaguardarla, spiegando come funziona il procedimento».

L’altro problema era capire chi avrebbe risposto in caso di errore durante le operazioni: «Si tratta di mettere lunghi codici e l’errore umano è possibile. Abbiamo ottenuto che sia l’azienda, eventualmente, a rispondere e non l’operatore. La questione alla base di tutto, comunque, è che l’ordine di servizio è arrivato mercoledì pomeriggio, troppo tardi».

Malumori Ieri qualche malumore alla biglietteria di piazzale 25 settembre, a Porta Nuova, c’era eccome. In coda, anche se non lunghissima, gli utenti si lamentavano per l’attesa. Colpa, appunto, dell’unico sportello attivo. «C’è sempre gente qui, ma così tanta in questa estate non ne ho mai vista», spiegava un dipendente sottolineando come la questione bonus abbia attirato più gente del solito.

Tempi In tanti ieri hanno scaricato il Qr utile per poter usufruire dei sessanta euro. La paura, infatti, è che i fondi esauriscano, ma per poterlo sfruttare c’è tempo fino alla fine del mese. «Solitamente spendo 400 euro all’anno», diceva ieri una mamma parlando dell’abbonamento della figlia, «questi sessanta euro fanno comodo. Peccato dover aspettare tutto questo tempo». C’è poi una seconda questione e la sottolineava un altro genitore: «Abbiamo sempre fatto gli abbonamenti online, comodamente da casa e ora per il bonus serve venire di persona. È come tornare indietro».

Modalità Il bonus dà diritto all'acquisto scontato di un solo abbonamento, mensile, annuale o plurimensile, da acquistare, come detto, entro il mese di rilascio del voucher. Una volta ottenuto il voucher sul sito www.bonustrasporti.lavoro.gov.it l'interessato dove presentarsi, portando con sé la ricevuta del bonus stesso, nelle biglietterie Atv: a Verona, a Porta Nuova, dal lunedì al sabato dalle 7,30 alle 19,30; a Garda, corso Italia 60, dal lunedì al sabato dalle 8 alle 18,30; a Legnago, via dei Tigli 1/a, dal lunedì al sabato, dalle 6,30 alle 19. E infine San Bonifacio, via Ungaretti, dal lunedì al sabato dalle 6,30 alle 15. Ha collaborato Barbara Bertasi

Nicolò Vincenzi