Blitz alle piscine abbandonate

Ex piscine Lido, scoperto un «magazzino» di merce rubata: arrestato un 37enne

Gli agenti della questura di Verona, intervenuti in via Galliano per un controllo, hanno rivenuto decine di oggetti di valore
Le ex piscine Lido di via Galliano nel totale abbandono
Le ex piscine Lido di via Galliano nel totale abbandono
Le ex piscine Lido di via Galliano nel totale abbandono
Le ex piscine Lido di via Galliano nel totale abbandono

Biciclette e monopattini elettrici, smartphone, tablet, computer e persino decine di pacchetti di sigarette e gratta e vinci, tutti provento di furto. 

È questo l’ingente bottino che gli agenti delle Volanti hanno rinvenuto, venerdì sera, in una stanza ricavata abusivamente all’interno delle ex piscine comunali, il Lido di via Galliano, struttura da anni lasciata al degrado e spesso ricovero di sbandati. Gli  agenti sono intervenuti poco prima della mezzanotte per verificare la presenza di abusivi all'interno della struttura abbandonata.

In una delle stanze dello stabile, i poliziotti hanno individuato un 37enne che, alla vista degli agenti, ha tentato di fuggire, ma  è stato subito bloccato. L'uomo, già noto alle forze dell’ordine per reati in materia di stupefacenti e contro il patrimonio, era in possesso di un coltello multiuso della lunghezza di circa 8 centimetri.

Un «magazzino» di merce rubata

Dentro la stanza che il 37enne aveva trasformato in camera da letto di fortuna,  sono poi stati trovati diversi oggetti di valore tra cui tre biciclette elettriche, due monopattini elettrici, 4 smartphone, 2 borselli a tracolla di marca ed un tablet. Sotto il materasso, inoltre, gli operatori hanno rinvenuto un computer portatile, un hard disk, un apparecchio acustico e una consolle Play Station 2 con relativi joystick, il cui furto era stato denunciato appena il giorno prima. Trovati anche 22 gratta e vinci  con la stessa serie, una stecca di sigarette con monopolio straniero e altri 28 pacchetti di sigarette di vario genere.

QUI LA BACHECA DELLA QUESTURA CON GLI OGGETTI RITROVATI 

Al termine degli accertamenti, l’uomo è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria per il reato di ricettazione e, su disposizione del Sostituto Procuratore della Repubblica, dottor Tenaglia,  è stato portato al carcere di Montorio. Il 37enne è stato anche denunciato per porto abusivo di oggetti atti ad offendere ed invasione di terreni o edifici. 

Leggi anche
Il futuro del Lido resta un'incognita. Ma spunta l'idea di un parco acquatico