Borgo Roma

Anziano derubato in casa da una finta coppia di nuovi vicini

.
Truffe agli anziani (archivio)
Truffe agli anziani (archivio)
Truffe agli anziani (archivio)
Truffe agli anziani (archivio)

«Mi hanno portato via 2.200 euro. Mi spiace tanto perché mi sono fatto proprio abbindolare. Abito in via Centro, ed ho trovato una coppia di persone al mio rientro dal solito giro per l’acquisto dell’Arena e delle sigarette. Mi hanno detto che dovevano fare dei lavori al piano di sotto e volevano vedere come era fatta casa mia, per capire. La donna ha parlato in continuazione, mi ha rincitrullito di parole, ha anche finto di essere al telefono con un maresciallo per un furto che aveva subito, insomma, alla fine della fiera, ero stato derubato».

L’anziano ha 84 anni, appena compiuti, una vita sociale attiva, fino a quando il Covid lo ha permesso, adesso comunque cerca di riprendere i suoi ritmi tra ginnastica, eventi, ristorante. Giovedì mattina al rientro dalle commissioni ha trovato la coppia descritta come di mezza età. «Con la scusa di vedere l’appartamento sono entrati, io avevo 200 euro sul mobile vicino al telefono perché dovevo andare dal meccanico, poi la signora ha iniziato a parlare di un furto che aveva subito e mi ha passato al telefono un sedicente maresciallo, con il quale ho parlato di discorsi senza senso, poi mi hanno detto di controllare che se avessi avuto contanti in casa, magari potevano essermi stati rubati. Così sono andato a prendere una scatoletta dove tenevo i duemila euro. L’ho poi appoggiata sul tavolo, stupidamente non l’ho tenuta in mano e quando loro sono andati via mi sono accorto che mi avevano portato via sia la scatoletta che le banconote», racconta l’anziano, ex impiegato.

«Mi sono accorto dell’ammanco subito e ho chiamato la polizia. Sono venuti a casa per farmi redigere la denuncia, sono stati molto gentili, mi hanno fatto tante domande. Ho risposto a tutte. Mi domando come sia stato possibile farmi gabbare così. Sto sempre molto attento, con il Covid ancora di più. È stata la donna che mi ha messo in confusione tra parole e movimento. Mi sono accorto poi che erano stati anche in soggiorno ed avevano rovistato dove tengo i giornali, ma non c’era nulla da rubare, loro cercavano soltanto i soldi. Non mi do pace perché sul giornale queste cose le scrivete, io leggo L’Arena da quando avevo 8 anni, sempre. Per questo vi ho chiamati, perché magari altri anziani come me si mettano in guardia», conclude l’anziano.

L’episodio è la fotocopia di un altro, accaduto in zona Stadio. Anche in quel caso ad entrare in azione era stata una coppia che aveva detto al malcapitato anziano che doveva fare lavori in casa e non sapeva se fare la doccia o la vasca da bagno. 

Alessandra Vaccari

Cliccando sul tasto “Abbonati” potrai sottoscrivere un abbonamento a L'Arena e navigare sul sito senza accettare i cookie di profilazione.

Se preferisci invece continuare ad avere accesso gratuito a parte dei contenuti del sito, sostenendo comunque il lavoro dei giornalisti, tecnici e grafici de L'Arena, accetta i cookie di profilazione cliccando "Accetta e continua": ti verranno mostrati annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy.

Abbonati