coordinati dalla Provincia

Alluvione nelle Marche, partiti altri volontari veronesi

Altri 14 volontari dei gruppi di protezione Civile in arrivo nelle zone alluvionate. I Palazzi Scaligeri: «Rimossi i detriti più ingombranti, ora si lavora per ripulire dal fango»
Volontari veronesi nelle Marche
Volontari veronesi nelle Marche
Volontari veronesi nelle Marche

Altri otto volontari dei gruppi veronesi di Protezione civile di Cologna Veneta, Belfiore, San Bonifacio e Fumane, hanno raggiunto oggi a Senigallia gli altrettanti colleghi partiti lunedì scorso e impegnati nella pulizia di un’area vicina al fiume Misa colpita dall’alluvione. Inoltre, domenica arriveranno nella città marchigiana, per dare il cambio a una parte dei colleghi, altri sei volontari da Malcesine, San Bonifacio e Valeggio.

Leggi anche
Alluvione nelle Marche, un veronese a Senigallia: «Qui la devastazione, orgoglioso di dare una mano»

I volontari stanno operando su piazze, strade, garage, scantinati e cantine. I mezzi e le attrezzature impegnati sono un mini escavatore, torre faro, motoseghe, pompe sommerse, idropulitrici, un autocarro con gru e un mezzo con cassone ribaltabile. Le operazioni sono coordinate dall’Unità operativa di protezione civile della Provincia di Verona. 

«I volontari ci confermano che buona parte dei detriti e dei rifiuti più ingombranti nella zona loro assegnata è stata rimossa – afferma il Consigliere Provinciale con delega alla Protezione civile –. Ora i gruppi scaligeri stanno lavorando soprattutto per pulire dal fango luoghi pubblici e privati, case e attività commerciali. Ringrazio queste persone che, ancora una volta, hanno risposto immediatamente all’appello e sono partite per aiutare la popolazione colpita dalla terribile alluvione».