Firmata la delibera

Dal 1° ottobre stop alle vetture Euro 4 Diesel. Ferrari: «Giusto, ma da Venezia servono più fondi»

Terminate le varie proroghe legate all'emergenza Covid, partono le limitazioni previste dall'Accordo del bacino Padano del 6 giugno 2017 fra Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e Piemonte
Auto e smog
Auto e smog
Auto e smog
Auto e smog

Dopo le svariate deroghe ispirate dall'emergenza Covid, arriva lo stop alle auto alimentate a Diesel Euro 4. Firmata oggi la delibera, su richiesta della Regione Veneto, che prevede - dal 1° ottobre - il blocco di tutti i veicoli Euro 4 diesel fino al 30 aprile. A breve sarà firmata anche l’ordinanza del sindaco con divieti e deroghe.

L’assessore alla Mobilità, Tommaso Ferrari, ha chiesto a Venezia maggiori garanzie su contributi adeguati per questa tipologia di interventi: «È necessario fare fronte comune fra tutti i capoluoghi di provincia veneti per chiedere alla Regione un aumento delle risorse disponibili per il trasporto pubblico locale».

Da quest’anno terminano le deroghe regionali riconosciute per far fronte alle limitazione collegate al Covid e entra in vigore il blocco dei veicoli Euro 4 diesel, come previsto dall'Accordo del bacino Padano del 6 giugno 2017 fra Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e Piemonte. Le limitazioni saranno valevoli:

  • dal 1° ottobre al 16 dicembre 2022 
  • dal 7 gennaio al 30 aprile 2023.

«Il blocco all’Euro 4 è un obbligo regionale – ha spiegato l’assessore alla Mobilità –. Se da una parte siamo molto d’accordo sulla riduzione del traffico privato, a fronte di una estensione della mobilità sostenibile e soprattutto del trasporto pubblico locale, dall’altra chiediamo alla Regione maggiori garanzie su contributi adeguati per questa tipologia di interventi. Servono infatti risorse sufficienti perché se vengono fatte direttive di questo tipo senza investimenti nel trasporto pubblico locale, che è la vera colonna portante della mobilità sostenibile accanto a piste ciclabili e micro mobilità, è chiaro che non si riuscirà a ridurre di molto il traffico».

E ha aggiunto: «Ci sono regioni come la Lombardia che hanno quasi raddoppiato il fondo nazionale trasporti. In Veneto, invece, questo fondo lo spalmano a favore di Comuni e Province senza variazioni. È quindi necessario fare fronte comune fra tutti i capoluoghi di provincia veneti per chiedere alla Regione un aumento delle risorse disponibili per il trasporto pubblico locale. Serve rinnovamento di mezzi e, soprattutto, essere più capillari, per una mobilità sostenibile socialmente inclusiva. Il contributo annuo è invariato da moltissimo tempo, necessitiamo quindi di nuovi fondi perché, se attualmente il trasporto pubblico è insufficiente, a pagarne le spese sono spesso le classi meno abbienti».

Principali misure antismog valevoli dal 1° ottobre

Il piano antismog prevede tre gradi di allerta - verde, giallo e rosso - riferiti ai risultati delle stazioni di monitoraggio ARPA posizionati al Giarol Grande e in Corso Milano. Il blocco del traffico è valevole per le categorie di veicoli:

  • Euro 0-1 benzina,
  • Euro da 0 a 4 diesel,
  • motocicli con certificato di circolazione rilasciato prima del 1° gennaio 2000.

Il divieto di circolazione vale, dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 18.30, esclusi i festivi. Valevole anche per quest’anno la finestra di sospensione del provvedimento, a partire dal 16 dicembre compreso fino al 9 gennaio, per il periodo natalizio, quando le scuole sono chiuse e il servizio di trasporto pubblico ridotto.

Come lo scorso anno, Arpav effettuerà due volte alla settimana i controlli sulle centraline scaligere e, in caso di superamento del livello di Pm10 nell’aria per più giorni consecutivi, scatteranno i livelli di allerta arancio o rosso, con eventuale blocco anche dei diesel euro 5.