Giornata internazionale

Violenza sulle donne, 291 casi nel 2020 con due omicidi. In aumento i maltrattamenti

.
Campagna «Questo non è amore»

Sono impressionanti, anche nella nostra provincia i dati sulla violenza di genere. Numeri che si riferiscono ai reati registrati dalla questura scaligera e che probabilmente rappresentano soltanto la punta dell’iceberg di un fenomeno più diffuso. Dall’inizio dell’anno fino allo scorso settembre, tali reati sono stati ben 291, dalle violenze sessuali (43) ai maltrattamenti contro familiari e conviventi (176) e agli atti persecutori (72). E in questi mesi, purtroppo, si sono registrati anche due omicidi: due donne uccise da uomini con cui avevano avuto un legame affettivo.

Rispetto allo stesso periodo del 2019, si registra una lieve diminuzione di tali reati. Ma i numeri non devono ingannare perché se i casi di violenza sessuale sono leggermente diminuiti, 49 lo scorso anno, le denunce per maltrattamenti (157 nel 2019) hanno invece avuto una drammatica impennata. Sono drasticamente diminuite, invece - da 115 nel 2019 a 72 nel 2020 - quelle relative ad atti persecutori. Per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla drammaticità del fenomeno della violenza di genere, anche quest’anno si rinnova la campagna della polizia di Stato «Questo non è amore».

Avviata nel 2016, la campagna è diventata un’iniziativa permanente sviluppata dalle questure per informare e aiutare l’emersione delle situazioni di violenza, offrendo alle vittime il contatto con personale specializzato.

 

L'articolo completo su L'Arena in edicola, con altri servizi sulla Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne

 

Enrico Santi
# Sposta il focus sul parent