Alla Spianà

Via libera al progetto del Biocampus, il centro sportivo a impatto zero

L'area in cui sorgerà il Biocampus
L'area in cui sorgerà il Biocampus
L'area in cui sorgerà il Biocampus
L'area in cui sorgerà il Biocampus

Approvato dal Consiglio comunale di ieri sera, con 23 voti favorevoli, un contrario e un astenuto, il progetto di riqualificazione di un’area sportiva esistente, presente al quartiere Stadio in via Prima traversa Spianà 28, di proprietà della ditta Biocampus srl. L’intervento è collegato alla parziale sanatoria di alcuni manufatti già realizzati, al fine di consentire lo sviluppo di un centro sportivo di nuova generazione a impatto zero.

Sull’area, di oltre 50mila metri quadri, era stato realizzato un impianto sportivo attrezzato, costituito da due campi da tennis, un campo da calcio a 5, due piastre polivalenti, due campi da beach volley, un campo da bocce, un campo da calcio a 11 con illuminazione, un campo da calcio a 7 ed un campo da calcio a 11 in prossimità della scarpata di via Albere, una palazzina che ospitava spogliatoi, ristorante e centro servizi.

Per l’edificio che si trova all’ingresso del centro sportivo, è stato dato l’avvio ad un intervento di ampliamento, nella prospettiva di valorizzare al meglio il complesso immobiliare, con una totale riqualificazione dell’area sportiva. “La filosofia ispiratrice del progetto del centro sportivo, denominato ‘Biocampus’ – precisa l’assessore Stefano Bianchini – è infatti la ricerca del miglior rapporto possibile tra l’ambiente naturale e il costruito e la promozione di una cultura di sostenibilità, mediante l’impiego di materiali non inquinanti. L’impianto sportivo viene riconosciuto dal Comune di rilevante utilità pubblica, in quanto insiste in una zona densamente abitata, nella quale non sono presenti centri polisportivi similari, né comunali né privati. L’operazione proposta potrà soddisfare la richiesta di servizi sportivi da parte dei cittadini residenti, oltre che ampliare l’offerta sportiva della città”.