È un medico di pronto soccorso

Tweet su ustioni a pazienti e morfina, il «comandante diavolo» di nuovo nella bufera

A destra uno dei tweet sotto accusa
A destra uno dei tweet sotto accusa

Sta rimbalzando sui social la storia di una dottoressa del Pronto soccorso di Borgo Roma, che avrebbe postato alcuni tweet, annunciando di aver volontariamente ustionato pazienti in arresto cardiaco oltre ad aver somministrato morfina a tossicodipendenti arrivati in ospedale.

La dottoressa anche in passato aveva usato i social per postare foto e schede di pazienti sotto il nickname Comandante Diavolo, per quella vicenda la procura aveva chiesto l'archiviazione visto che i soggetti non erano identificabili.

L'Azienda ospedaliera interpellata sul caso replica che «sta facendo le verifiche del caso ed entro il fine settimana avrà il quadro della situazione completo». Nel frattempo, la dottoressa resta al suo posto.

 

LA DIFESA DEL MEDICO INTERESSATO

Leggi anche
«Sì, quei post li ho fatti io, ma non sono veri. Adesso ricomincia tutto...»

 

 

Leggi anche
Foto di pazienti su Twitter, infuria la polemica

 

Alessandra Vaccari

Suggerimenti