CHIUDI
CHIUDI

22.07.2019

Tentata rapina
Lo spray urticante
non basta a difesa

La polizia in Circonvallazione Oriani
La polizia in Circonvallazione Oriani

Sono due gli arresti effettuati, ieri, dagli agenti della Polizia di Stato nella zona di Circonvallazione Oriani. In manette sono finiti B.A., cittadino marocchino di 17 anni, e C.A., trentatreenne originario della Romania, rispettivamente arrestati per i reati di tentata rapina e tentato furto aggravato. 

 

La prima richiesta di intervento è giunta intorno alle 11.40: un diciottenne veronese riferiva di aver appena subito un tentativo di rapina, mentre passeggiava sui Bastioni, quando è stato avvicinato da un ragazzo extracomunitario che, con atteggiamento aggressivo, gli ha chiesto del denaro, minacciandolo con un coltello a serramanico. La vittima voleva usare la sua bomboletta di spray urticante, ma l'altro gli ha lanciato contro una bottiglia di vetro. L'aggressore è stato intercettato in piazza XXV aprile, zona stazione. Arrestato per tentata rapina aggravata ed accompagnato presso gli Uffici della Questura. A seguito degli accertamenti di rito, il diciassettenne è stato portato al carcere minorile di Treviso.

 

La seconda segnalazione intorno alle 4 del mattino, da parte di un cittadino straniero. L'uomo riferiva di un furto in corso in un chiosco bar all'incrocio tra Corso Porta Nuova e Circonvallazione Oriani. Gli agenti delle volanti, arrivati sul posto, hanno notato una persona intenta ad armeggiare, con un tubo di metallo, sulle inferriate d’ingresso del bar. L’uomo, vistosi scoperto, ha tentato di fuggire sui bastioni ma è stato bloccato e arrestato per il reato di tentato furto aggravato. L'uomo aveva infranto il vetro della porta e, utilizzando un tubo di metallo di circa 180 cm di lunghezza, aveva tentato di piegare le inferriate. Riconosciuto dal testimone che aveva chiesto l’intervento della Polizia, è stato trattenuto presso le camere di sicurezza della Questura, e stamattina il giudice ha convalidato l'arresto e disposto l’obbligo di presentazione giornaliera alla Polizia Giudiziaria.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1