CAMPAGNA INFORMATIVA AL VIA

Sos falsi addetti,
Agsm in prima linea
contro le truffe

Agsm in campo contro le truffe
Agsm in campo contro le truffe
Agsm in campo contro le truffe
Agsm in campo contro le truffe

Il Sindaco Flavio Tosi è intervenuto questo pomeriggio in sala Arazzi alla presentazione della campagna informativa antitruffa ‘Agsm Doc’, che prevede l’affissione di manifesti, la distribuzione di volantini in tutte le abitazioni e luoghi pubblici e di un vademecum, a disposizione agli sportelli Agsm, sul sito agsmperte.it e chiamando il numero verde 800552866.
Presenti il presidente Agsm Fabio Venturi, il presidente Agsm Energia Giuseppe Stoppato, la portavoce della Questura Oria Sgobbo, il maggiore dei Carabinieri Antonio Mancini, il tenente colonnello della Guardia di Finanza Verona Alessandro Di Stefano, il comandante della Polizia municipale Luigi Altamura, Silvia Caucchioli di Adiconsum, Antonella Violante del Movimento Consumatori e Nicola Sordi di Lega Consumatori. Presenti anche i Guardacantiere volontari di Agsm che collaboreranno alla distribuzione dei volantini informativi.
“Un fenomeno da sempre presente ma oggi in aumento – ha spiegato Tosi - per via della difficile situazione economica, ma anche forse per la mancanza di deterrenza, visto che chi truffa alla fine non va in galera. E’ necessario quindi aiutare i cittadini, in particolare i più fragili e più anziani, a distinguere i veri collaboratori di Agsm dagli impostori, in modo da tutelarli, almeno per quanto possibile. Dovrebbe essere la legge a farlo ma, visto che ciò non accade, quello che possiamo fare è cercare di prevenire il fenomeno con questa campagna di sensibilizzazione e invitare a segnalare ogni impostore alle forze dell’ordine”.
“In questi mesi – ha aggiunto Venturi - abbiamo ricevuto moltissime segnalazioni di persone che suonavano alle porte dei veronesi dicendo di essere addetti Agsm, facendosi aprire con le scuse più assurde come ‘l’azienda sta chiudendo’,‘siamo stati comprati da un’altra società’, ‘i vecchi contratti non sono più validi’. Queste persone erano solamente dei concorrenti sleali o dei truffatori.” 

Suggerimenti