CHIUDI
CHIUDI

06.07.2019

Sbanda e danneggia
cinque auto. «Volevo
evitare un ciclista»

Si sono svegliati col botto, ieri, intorno alle sei del mattino, gli abitanti di via Tiberghien a San Michele Extra a causa di uno spettacolare incidente causato da un'auto con a bordo due persone, una donna e un uomo, che provenienti dalla città e diretti a San Michele, all’altezza del civico 36 di via Tiberghien, poco dopo l’ex cabina dismessa dell’Enel, hanno perso il controllo del veicolo e hanno invaso la corsia opposta andato a sbattere contro un’auto in sosta che ha carambolato e danneggiato altre quattro autovetture parcheggiate dietro.

Tutto è stato innescato da un cambiamento improvviso di direzione di una Fiat Tipo station-wagon proveniente da via Mondadori e diretta a San Michele, che ha provocato uno scontro a catena tra le cinque vetture. Immediatamente è stata informata la polizia locale intervenuta dopo pochi minuti sul posto per gli accertamenti.

 

Fortunatamente le persone coinvolte nell'incidente hanno riportato solo qualche graffio. Dalle dichiarazioni fornite dagli occupanti dell’auto alla polizia municipale, che ha subito effettuato l’alcoltest risultato negativo, sembra che l’auto che procedeva in direzione San Michele Extra, nel tentativo di evitare un ciclista abbia dovuto deviare bruscamente sulla sinistra invadendo la corsia opposta per poi andare a sbattere con la prima auto in sosta. Questa poi, a sua volta, è finita contro alle altre auto parcheggiate lungo la strada causando notevoli danni ai veicoli. Fortunatamente nello scontro non è rimasto coinvolto anche uno scooterista proveniente dalla parte opposta del veicolo che ha causato l’incidente, che per evitare di finire contro l’auto è riuscito a cambiare direzione appena in tempo finendo sul marciapiede dell’altro lato della strada. Per quanto riguarda gli occupanti dell’auto, la donna se la sarebbe cavata solo con qualche graffio mentre l’uomo è rimasto illeso.

Notevoli invece i danni subiti dalle auto in sosta. La peggio l’ha avuta una Toyota Yaris andata quasi completamente distrutta. Una grossa Volvo, una Fiat 500 e una Volkswagen Tiguan invece hanno subito notevoli danni. Ammaccature anche per il Suv ultimo della «catena».

 

I vigili urbani, intervenuti con due pattuglie, hanno effettuato gli accertamenti di legge sul luogo dell'incidente, mentre gli operatori di Amia hanno provveduto a pulire la strada dai detriti e dai liquidi fuoriusciti dai veicoli dopo l’impatto.

Luciano Purgato
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1