Ce ne sono solo tre in tutto il Veneto

Porta Organa, l'ufficio postale veronese dove si parlano sei lingue

Ufficio postale poliglotta (Perlini)

L'ufficio Postale Verona Centro di Porta Organa è una delle tre filiali poliglotta del Veneto, l'unico a Verona e provincia.

Mustapha Ayad, Mohammed Echafaoui e Mary Grace Capiral sono i tre operatori multilingue inseriti nella struttura veronese da Poste Italiane per adeguarsi ad una città che cambia e agevolare un'utenza sempre più straniera.

 

Parlano marocchino, arabo, francese, inglese, filippino, e si districano anche con il dialetto veronese. Rientrano nel Progetto Multilingua e oltre la conoscenza di base dei prodotti e servizi e delle nozioni delle principali normative e procedure commerciali, hanno una laurea o un titolo di scuola superiore, e un'ottima padronanza scritta e parlata di molte lingue. 

Il progetto nato sei anni fa vuole favorire l'integrazione abbattendo le barriere linguistiche, e rispondere alle richieste sempre più numerose di rinnovo o rilascio dei permessi di soggiorno, oltre lo Spid (il sistema di accesso all'identità digitale) fino alla spedizione di pacchi fuori dai confini.

 

La presenza dei tre operatori ha modificato l'utenza dell'ufficio, gli stranieri arrivano da tutti i quartieri e anche dalla provincia per ottenere un servizio da chi sa mettersi nei loro panni.

“Abbiamo offerte studiate ad hoc sia per immigrati residenti anche nei quartieri periferici della città, che per gli studenti universitari che seguono il programma Erasmus, o i turisti”, spiega la direttrice Simonetta Simoni, che ha vissuto molto all'estero, e nell'ufficio di Porta Organa si sente cittadina del mondo.

Anna Perlini

La posta della Olga