L'uomo simbolo del nubifragio di ieri

«Mi sono trovato in un mare d'acqua e ghiaccio»

Daniele Lattarelli bloccato nell'acqua e ghiaccio
Daniele Lattarelli bloccato nell'acqua e ghiaccio
Intervista a Daniele Iattarelli (Marchiori)

Daniele Iattarelli è l'uomo simbolo del nubifragio che ieri ha messo Verona in ginocchio. L'immagine di lui con l'acqua e la grandine che gli arrivano al petto, mentre cerca di mettersi in salvo, ha fatto il giro di tutta la rete.

 

Daniele, come racconta a L'Arena, è titolare dello studio odontotecnico di via Sant'Alessio, era sceso per mettere le paratie, visto che spesso la zona finisce sott'acqua, quando si è trovato  bloccato all'interno. E' riuscito ad uscire ed è stato travolto da un fiume di acqua e ghiaccio che ha anche rotto le vetrate dello studio.

 

"Ero dentro il laboratorio ed è arrivata un'ondata di acqua e ghiaccio e mi sono trovato chiuso dentro e mi sono trovato in un mare di ghiaccio, sono riuscito ad uscire in qualche modo attaccandomi ai tubi e ai muri. Dieci anni di lavoro da buttare via"

 

Oggi il presidente della Regione, Luca Zaia, verrà a Verona per constatare personalmente la situazione dei danni causati dalla tempesta che ha colpito ieri la città. Il consueto punto stampa  sul coronavirus, nella sede della Protezione Civile a Marghera, è stato annullato. Alle 11.30 in Municipio, terrà un punto stampa ha tenuto un primo quadro della situazione. A partire dalle 11 Telearena ha fatto una edizione straordinaria seguendo in diretta la conferenza di Zaia.

 

Leggi anche
Zaia in città: «Verona va aiutata» Dichiarato lo stato di crisi

 

Leggi anche
Vento e grandine: la città in ginocchio

Suggerimenti