Nuova misura in vigore da sabato

Mascherine all'aperto, aumentano i controlli: «Non ci aspettavamo si tornasse a questo»

Mascherine in centro a Verona (Fotoexpress)
Mascherine in centro a Verona (Fotoexpress)
Mascherine in centro a Verona (Fotoexpress)
Mascherine in centro a Verona (Fotoexpress)

Da sabato tutti con la mascherina sul volto, sia in centro storico che sul resto del territorio comunale. Ai veronesi si chiede un ulteriore sforzo proprio per continuare a vivere la nostra bella città, meta turistica molto gettonata ed in vista dei tanti eventi che caratterizzeranno dicembre.

Ieri mattina si è tenuto il Comitato ordine pubblico e sicurezza e sul tavolo, all’ordine del giorno c’era la prossima ordinanza sindacale. Ma soprattutto c’era la sua applicabilità. Saranno le forze dell’ordine e la polizia Locale a vigilare (come hanno fatto fino ad oggi) sull’uso della mascherina. Saranno i collaboratori indicati dalle aziende di trasporto pubblico a verificare il green pass o il super green pass. Utopistico ipotizzare che ogni singolo utente possa essere controllato, ma intanto già da oggi si riunisce il primo tavolo tecnico proprio per studiare la fattibilità, anche con predisposti percorsi a terra dove verificare che tutto sia a posto per imbarcare passeggeri. L’Atv ha già annunciato l’ulteriore assunzione di steward, ai 70 già al lavoro se ne aggiungono altri trenta. Atv inoltre invierà lettere ai possessori di abbonamento, stiamo parlando di circa 40mila utenti. 

Il prefetto Donato Cafagna ha disposto che i gestori (autobus e ferrovie) preparino un piano di gestione dei controlli. «Per quanto riguarda la mascherina indossata, credo e spero che i cittadini capiscano che non è una restrizione, ma un modo per evitare ulteriori restrizioni», ha detto il sindaco Federico Sboarina, «in questi giorni già molte persone che frequentano via Mazzini e la Bra le indossano. Nei negozi sono necessarie, allo Stadio anche, così come in fiera, ai mercatini di Natale, o in quelli rionali se c’è assembramento. A questo punto invece di continuare a togliere e mettere, resteranno addosso. Il messaggio che vorrei che passasse è che avere maggiori attenzioni ci permetterà di continuare ad avere la vita quasi normale. Non ci aspettavamo di essere costretti a questo, lo facciamo per il bene di tutti. È chiaro che non sarà possibile controllare tutti, le fermate di Atv sono per esempio circa 5mila, verranno potenziati i controlli negli hub principali», ha detto il sindaco.


Giro di vite anche contro chi si ostina a non indossare mascherine, come per esempio nei cortei organizzati da No vax piuttosto che da No green pass. «L’obbligo di mascherina all’aperto vale anche per loro», dice il prefetto Cafagna, «darò disposizioni affinchè venga sanzionato chi non le indossa, non è necessario farlo nell’immediato, si può farlo anche visionando le immagini delle telecamere che in questi casi filmano le manifestazioni».


I controlli ci sono, eccome, anche se non balzano agli occhi. I numeri dimostrano che, il 29 novembre da tutte le forze di polizia e dalla Locale sono state controllate 1.665 persone, ed è stata sanzionata una persona. Nello stesso giorno sono stati controllati 79 esercizi commerciali. Dal 10 marzo 2020 al 29 novembre 2021, sono state controllate 725.783 persone, ne sono state sanzionate 7.760 e denunciate 131. Gli esercizi commerciali controllati complessivamente sono stati 11.595 e 295 gestori sono stati sanzionati. Per 68 di loro è scattata la sospensione della licenza e per 29 la chiusura.

Alessandra Vaccari