CHIUDI
CHIUDI

12.06.2020

«La piccola Nina
morta per infezione
presa in ospedale»

Francesca, mamma di Nina morta per Citrobacter
Francesca, mamma di Nina morta per Citrobacter

Nina è stata uccisa dal Citrobacter. Era nata prematura l’11 aprile del 2019 all’ospedale di Borgo Trento, «settimina», ma sana. I problemi sono iniziati otto giorni dopo il parto: febbre, convulsioni, tachicardia, «generale quadro di shock settico» - dicono i medici legali - con l’infezione arrivata in fretta al cervello, distruggendolo e rendendo la piccola un vegetale.

Mamma Francesca il 26 luglio la porta via da Verona, dopo essersi rifiutata di sottoporla ad un intervento chirurgico proposto dall’equipe della Terapia Intensiva Neonatale per ridurre l’idrocefalo, «non tanto per salvarla», sospira commossa, «ma semplicemente per darle più comfort dato che aveva una testa abnorme rispetto al corpo, effetto dell’encefalite da Citrobatcter. Mi avevano detto che così sarebbe sembrata un po’ meno un mostro...». Francesca firma le dimissioni e fa trasferire la piccola all’ospedale Gaslini di Genova. «Per la mia Nina non c’erano più speranze e sapevo che lì, all’hospice pediatrico, almeno le avrei dato una morte dignitosa», ripete, «senza dolore, senza tutti quei tubi inutili attaccati ovunque, sarebbe volata via piano piano, in un ambiente più umano. Perchè purtroppo ci sono altri neonati, come la mia Nina, che si sono presi a Borgo Trento il Citrobacter, un altro bimbo è morto dopo di lei, un altro è a casa cerebroleso, i casi non sono sporadici e bisogna risolvere una volta per tutte questa situazione.

 

 

A Genova, alla morte di Nina, la Procura ha aperto un fascicolo, ha ordinato l’autopsia e il pm Marcello Maresca ha incaricato un perito per chiarire cosa effettivamente sia successo alla bimba, la causa del decesso e le eventuali responsabilità.

 

All'ospedale di Verona, spiega la dottoressa Giovanna Ghirlanda, responsabile della Direzione Medica Aoui, il problema c’è. «Sì, il Citrobacter nella rianimazione neonatale circola», ammette la dottoressa Ghirlanda, «e abbiamo provveduto più volte a fare la disinfestazione del reparto e la bonifica, in modo continuativo, proprio per fermare le microepidemie che questo germe provoca una volta che attacca un ambiente. E sì, sappiamo che oltre a quello di Nina ci sono stati altri casi. Abbiamo rinforzato i percorsi anti-infezione lì come in altri aree molto delicate dell’ospedale».

Camilla Ferro
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie