CHIUDI
CHIUDI

14.02.2020

La comunità cinese a Verona: «Dateci
una struttura per l'autoquarantena»

«Dateci un luogo, anche pagando, per mettere in quarantena i nostri connazionali che arrivano dalla Cina».

È l'appello, «per rasserenare gli italiani e noi stessi» che la comunità cinese (a Verona sono 7.000) ha espresso oggi nell'incontro fra il sindaco Federico Sboarina, il console generale della Repubblica popolare cinese a Milano Wang Huijuan e il presidente dell’associazione principale dei cinesi di Verona Conglian Hu, accompagnati da una delegazione di associati.

 

La comunità cinese ha deciso che tutti i connazionali provenienti dalla Cina, anche se in buona salute, una volta arrivati a Verona debbano rimanere in isolamento per 14 giorni, in casa o in una idonea struttura. Il Comune, fa sapere palazzo Barbieri, si è  fatto parte attiva e il sindaco ha già contattato l’Ulss 9 che ha garantito un supporto per l’applicazione del protocollo di monitoraggio delle persone in quarantena. 

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie