UNIVERSITÀ

L’ateneo scaligero
riparte con lezioni
in presenza

Palazzo Giuliari
Palazzo Giuliari

Da oggi l’Università di Verona riparte con le lezioni in presenza. Per garantire il rispetto del distanziamento, spiega un comunicato dell’ateneo, la capienza delle aule sarà al 50% ed è disponibile l’app «Univr Lezioni» che permette di attribuire un posto numerato in ogni aula. La mascherina dovrà essere indossata appena si entra nei luoghi universitari ed è prevista la sanificazione delle mani agli ingressi delle aule e negli spazi comuni.

 

«È un ritorno alla normalità speciale», ha detto il professor Federico Schena, delegato del Rettore alla didattica, «un’attività che torna ai modi e ai tempi della vita universitaria. Potremmo dire che siamo passati dalla didattica a distanza, alla didattica distanziata». Tutte le lezioni saranno proposte anche online, per andare il più possibile incontro alle necessità delle iscritte e degli iscritti. Sarà possibile scegliere la lezione che si vuole frequentare a partire da 5 giorni prima dello svolgimento. Il sistema terrà conto della capienza nominale dell’aula, ridotta al 50%, del numero massimo di ore prenotabili a settimana e per singolo insegnamento.

 

L’ateneo stima un aumento degli iscritti, oltre 20mila nello scorso anno accademico. «La risposta è piena al nostro incremento dell’offerta didattica», ha concluso Schena. «Le iscrizioni sono ancora aperte e l’andamento è molto positivo; gli studenti e le loro famiglie hanno capito che l’università di Verona è una grande opportunità per completare la propria formazione».