CHIUDI
CHIUDI

16.07.2019

Inflazione e rincari,
Verona al 3° posto
+ 421 euro a famiglia

Un carrello della spesa in una corsia di supermercato. FOTO ARCHIVIO
Un carrello della spesa in una corsia di supermercato. FOTO ARCHIVIO

Il raffreddamento dell’inflazione stimato dall’Istat è «un’ottima notizia», secondo l’Unione nazionale consumatori ma anche un tasso dello 0,7% significa 172 euro in più l’anno in media a famiglia e l’esborso raggiunge 422 euro a Bolzano.

 

Con l’inflazione all’1,4%, Bolzano non è la città con il tasso più alto (il record appartiene a Bari, +1,7%), ma si conferma quella con la maggior spesa aggiuntiva. Al terzo posto per rincari si classifica Verona, dove il rialzo dei prezzi dell’1,5% determina un aggravio pari a 421 euro.

 

La città più conveniente è, invece, Perugia, addirittura in deflazione. Al secondo posto Ancona (+0,1%, pari a rincari di 22 euro) e al terzo Cagliari, +0,2%, con un aumento del costo della vita pari ad appena 42 euro. «Purtroppo ci sono già i primi segnali indicatori della prossima stangata sulle vacanze degli italiani, attesa, come tradizione vuole, per luglio. Salgono, infatti, su base mensile, sia i pacchetti vacanza, +1,7%, che i villaggi vacanze, addirittura del 13,2 per cento» afferma il presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, Massimiliano Dona.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1