Abbattuti dalla tempesta di agosto

In via Caroto tornano gli alberi: oggi vengono piantati

.
Nuovi alberi in via Caroto (Perlini)

L'inizio della rivoluzione green si dà appuntamento in via Caroto, nel giorno della Festa dell'Albero. Oggi l'amministrazione comunale con l'Associazione Florovivaisti Veneti pianterà sulla strada che da Porta Vescovo sale sulle Torricelle, cinque Alberi di Giuda. La via funestata dalla tempesta del 23 agosto che ha fatto cadere oltre 600 piante pubbliche diventa simbolo di una rinascita rosea, il colore dei fiori del Cercis siliquastrum.

L'assessore alle strade e al verde Marco Padovani sarà sul posto alle 11, accompagnato dal dott. Stefano Oliboni agronomo del Comune, per testimoniare la ripartenza green che in successione toccherà le altre aree verdi dell'amministrazione scaligera. «Via Caroto che rinasce dalla devastazione sarà il simbolo della ripartenza», dice Padovani.

La scelta dell'Albero di Giuda non è casuale. È un arbusto ornamentale originario del Mediterraneo Orientale, dalla forma aggraziata che in primavera gode di una fioritura vivace e copiosa di colore rosa. Non ha grandi dimensioni, quelli piantati oggi partono da un'altezza di tre metri. Sono otto le aziende vivaistiche veronesi che partecipano alla messa in dimora delle cinque piante che metteranno radici proprio lungo il ciglio della strada. Scartati i cipressi protagonisti sulle Torricelle: richiedono un terreno molto più profondo. Assicurano i vivaisti veronesi che l'Albero di Giuda resiste bene alla siccità e predilige i terreni calcarei e le esposizioni in pieno sole. È perfetto per le città, richiede pochissime cure ed è estremamente resistente all’inquinamento atmosferico. 

 

Gli alberi abbattuti in via Caroto dopo la tempesta di agosto
Gli alberi abbattuti in via Caroto dopo la tempesta di agosto

 

A.P.