«Il bollino preannuncia il servizio a pagamento»

Il consigliere Flavio Tosi punta il dito contro Amia anche per la raccolta del verde: «Senza avvisare l’utenza, se non sul sito web, ha modificato il calendario per il ritiro dello sfalcio d’erba, con una drastica riduzione del servizio. Ma soprattutto ora bisogna registrarsi sul sito per poi ritirare l’adesivo da mettere sul contenitore, manovra prodromica al portare il servizio a pagamento. E non è giusto. In più c’è il problema dei condomini perché si indica di intestare la registrazione a un residente, non essendo il condominio soggetto Tari; ma un cittadino non può assumersi questa responsabilità tanto più per quando metteranno a pagamento il servizio». Tema, quest’ultimo, che Tosi dà per certo, ma che il presidente di Amia, Bruno Tacchella non conferma, né nega: «Queste decisioni spettano all’ammini- strazione comunale. Finora non abbiamo ricevuto input in tal senso. L’anagrafe del servizio serve per avere un censimento su utenza, necessità e quartieri in cui il servizio è più richiesto. Ci consentirà di ottimizzare servizio e costi».

M.V.A.
# Sposta il focus sul parent