L'incontro online

I nuovi poveri della pandemia: un esercito invisibile

La statua di Bernardi (Bazzanella)
La statua di Bernardi (Bazzanella)

I nuovi poveri della pandemia. Senza più un lavoro e con impeghi ridotti all’osso, dai lavoratori precari che hanno perso anche quel poco che avevano agli imprenditori in crisi nera che non riescono più a tirare avanti.

È dedicata a “Le nuove povertà” la diretta online promosso stasera, lunedì 3 maggio, alle 20.45, dall’associazione “Gli Invisibili” insieme ai suoi sostenitori e partner.

“Vi aspettiamo per confrontarci insieme su questa triste tematica, di grande attualità” affermano gli organizzatori dell’associazione. La serata, su piattaforma Zoom, si può seguire collegandosi al link https://us02web.zoom.us/j/87823086245.

I relatori sono numerosi, per affrontare il tema sotto vari aspetti: la psicologa e psicoterapeuta Giuliana Guadagnini parlerà delle ripercussioni psicologiche dovute alla crisi economica generata dall’emergenza coronavirus; la commercialista Alessandra Zaghi, presidente degli Invisibili, tratterà invece le nuove frontiere del lavoro post Covid; alla consigliera comunale di Verona Patrizia Bisinella il compito di spiegare quali sono i cinque gap da colmare per la parità di genere; Simone Alessandro Cassago, scrittore economico ed esponente dell’Organo di garanzia degli Invisibili, si soffermerà sulla crisi del sistema produttivo e sulle prospettive di ripresa; Giorgio Faccioni, della Corporazione Esercenti Centro Storico Verona racconterà la sua realtà; la commercialista Giliola Mosele parlerà di giovani e lavoro.

Come testimonial della serata, per fare il punto della situazione nella ristorazione, ci saranno Corrado Vantini delle Cantine de L’Arena e Manuel Dal Fossà del Ristorante Da Manuel. Modera Angela Booloni, conduttrice televisiva.

I nuovi poveri sono persone che nella loro vita mai avrebbero pensato di essere costretti a chiedere aiuti, anzi molti non sapevano neppure dell’esistenza dei servizi di sostegno socio assistenziali” spiegano gli organizzatori dell’incontro online. “I nuovi poveri della pandemia sono coloro che vivevano di lavori precari, non continuativi o addirittura saltuari, e che all’improvviso non riescono più a garantirsi i beni primari per la sopravvivenza personale o della famiglia. Poi le partite iva e i piccoli imprenditori che hanno chiuso bottega per la crisi economica spaventosa, coloro che hanno visto ridursi lo stipendio o che sono stati messi in cassa integrazione, peraltro riscossa anche con notevole ritardo. E ancora: coloro che hanno perso il lavoro o che non hanno più potuto aprire la loro attività mentre vedevano i loro investimenti sfumare. Si tratta di poveri insospettabili e sono il volto della pandemia sociale che neanche l’idea della ripartenza sembra cancellare”.

Uscire da una crisi di tali dimensioni è possibile? E come? Anche di questo di parlerà stasera, in diretta online.

Camilla Madinelli

Suggerimenti