Disordini in centro nella notte

Fumogeni e cori contro Conte: la protesta in piazza Erbe

piazza Erbe, proteste

Fumogeni e cori come allo stadio ieri sera in piazza Erbe, a Verona: è andata in scena anche a Verona (dopo Napoli e Roma) la protesta contro il nuovo il Dpcm che prevede restrizioni e chiusure soprattutto alla movida e al tempo libero.

 

E piazza Erbe, simbolo dell'aperitivo e della vita notturna scaligera, è stato il teatro perfetto della manifestazione: i fumogeni hanno colorato di rosso la piazza e poi i cori di insulti al presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Proprio mentre Zaia, ad Antenna Tre, si diceva certo che nel Veneto non si sarebbero viste immagini di proteste come quelle apparse in tv nei giorni scorsi.

 

Si è trattato di proteste spontanee in una piazza Erbe stipata di gente anche nelle serate di questo fine settimana. Protagonisti, in particolare, una quarantina di giovani di estrema destra, ha acceso fumogeni e protestato al grido di "libertà".

 

Leggi anche
Bar e ristoranti chiusi alle 18. Il testo integrale del nuovo Dpcm

Ilaria Noro