POLIZIA

Evade dai domiciliari su un motorino rubato e tampona un taxi. Due pregiudicati bloccati

L'oggetto ritrovato dagli agenti
L'oggetto ritrovato dagli agenti

Era sottoposto agli arresti domiciliari ma è evaso nel cuore della notte, allontanandosi da casa a bordo di un motociclo rubato, guidato da un connazionale pregiudicato. Dopo poche centinaia di metri il motociclo ha tamponato un taxi, finendo a terra. È accaduto ieri verso l’una di notte: gli agenti delle Volanti hanno notato in Corso Venezia, all’altezza di via Torbido, un motorino a terra, accanto a cui si trovava un ragazzo che stava cercando di prestare soccorso al conducente, rimasto a terra con le gambe bloccate sotto il mezzo.

 

Gli operatori sono intervenuti, prestando i primi soccorsi all'uomo a terra. L’altro ha tentato di fuggire ma è stato fermato: si tratta di un 35enne tunisino, con precedenti in materia di stupefacenti, resistenza e minaccia a Pubblico Ufficiale, ricettazione, danneggiamento ed evasione e sottoposto alla misura degli arresti domiciliari.

 

Anche il conducente, 50enne tunisino, era già noto alle Forze dell’Ordine. Il primo uomo è stato arrestato per evasione, l’altro è stato denunciato per ricettazione e possesso di armi od oggetti atti ad offendere. Il Giudice ha convalidato l’arresto e ripristinato la misura degli arresti domiciliari.