CHIUDI
CHIUDI

03.12.2019

Droga e pillole
abortive, Verona
base dei nigeriani

AGGIORNAMENTO: 

Trentacinque arresti, stupefacente sequestrato per oltre 2.000 dosi, 40 consumatori identificati: questo il bilancio dell’operazione «Sommo poeta», condotta dalla Squadra mobile di Trento con il coordinamento della Dda. L’indagine, il cui nome si riferisce a piazza Dante, uno degli epicentri dello spaccio a Trento, prende le mosse da una precedente operazione del 2018, sempre legata al traffico di droga, e come per allora anche in questo caso le persone coinvolte nel traffico di eroina e marijuana sono tutte di nazionalità nigeriana. Veri e propri pendolari della droga, che ogni giorno da Verona, Vicenza, Ala, Rovereto e dai dintorni di Trento giungevano nel capoluogo in treno e si davano appuntamento in stazione per suddividersi lo stupefacente e poi muoversi tra le principali piazze del centro per spacciare.

 

Il vertice dell’organizzazione era a Verona, e la centrale dove avveniva lo smistamento delle sostanze si ritiene sia un negozio di prodotti etnici nei pressi della stazione ferroviaria. Sempre a Verona è stata arrestata anche una donna, trovata in possesso di un quantitativo considerevole di pillole abortive: anche alla luce dei materiali sequestrati, gli inquirenti non escludono che possano esserci ulteriori contestazioni anche per reati non legati alla droga.

 

Sono state 27 le ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse, e alcuni dei destinatari sono stati anche arrestati in flagranza, trovati in possesso di droga, per un totale di 35 arresti. Per tutti l’accusa è di associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti. Alcuni degli arrestati risultano inoltre godere di protezione internazionale.

 

------------

Dall’alba di questa mattina è in corso un’operazione della polizia di stato coordinata dalla procura della Repubblica di Trento - Direzione Distrettuale Antimafia - diretta a disarticolare un’organizzazione criminale di matrice nigeriana dedita al traffico di sostanze stupefacenti nella città di Trento con ramificazioni anche a Verona e Vicenza. Sono 37 gli arrestati.

 

L’operazione «Sommo Poeta» ha consentito di svelare l’esistenza di un clan nigeriano che «aveva messo in piedi un sistema estremamente remunerativo di vendita al dettaglio di droga, in grado d´incassare quotidianamente considerevoli somme di denaro», e di procedere, anche attraverso l´impiego di pattuglie impegnate nel contrasto alla criminalità diffusa, a molteplici arresti in flagranza e a importanti sequestri di sostanza stupefacente, principalmente marijuana ed eroina.

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1