ARENA E PROGETTI

«Così gli stranieri
vorrebbero
la stagione lirica»

Spettatori in Arena per un’opera del festival lirico
Spettatori in Arena per un’opera del festival lirico

C’è fame di lirica in Arena. Ma di una lirica unica, di qualità. Con un palcoscenico tale da sfruttare l’intera quota di anfiteatro non dedicata agli spettatori. Insomma, di maggiore impatto. E con un cartellone sempre più vario, anno per anno. Perché anche il melomane più affezionato al classico ha voglia di novità. Poi, meno serate. Insomma: far tornare a casa gli spettatori con il ricordo di uno spettacolo senza confronti. Che solo qui a Verona, nel bimillenario anfiteatro romano, possono gustare. Chi lo dice? Lo dice Robert Schweitzer, un promoter turistico tedesco, notissimo in città, che da decenni organizza trasferte per spettatori in Arena. E ha il polso del pubblico di affezionati, molto esigente.

Certi auspici e giudizi valgono tanto più quest’anno. (...)

Leggi l’articolo integrale sul giornale in edicola

Enrico Giardini
# Sposta il focus sul parent