CHIUDI
CHIUDI

01.03.2020

Consigli per spiegare l’epidemia ai più piccoli

Epidemia da coronavirus, ormai non si parla d’altro e spesso davanti ai più piccoli, i soggetti maggiormente fragili e indifesi di fronte a un’emergenza dai ci contorni internazionali. È quindi fondamentale rispondere alle loro domande e spiegare cosa sta succedendo con un linguaggio chiaro e scevro da sensazionalismi, per non generare un senso di confusione e di incertezza che può condurre a sentimenti di paura e disagio psicologico. Il team di ricerca del progetto Hemot (Helmet for emotions), coordinato da Daniela Raccanello, docente di Psicologia dello sviluppo e dell’educazione al Dipartimento di Scienze umane dell’Università di Verona, in collaborazione con la Protezione civile della Regione Veneto, ha messo a punto un opuscolo informativo rivolto agli adulti che contiene suggerimenti e strategie utili per aiutare i bambini ad affrontare l’impatto emotivo dell’emergenza sanitaria. L’opuscolo si può scaricare sul sito internet www.hemot.eu. Si tratta d un pratico elenco di cose da fare e non fare per non soccombere alle emozioni e gestirle in maniera equilibrata. Alcuni suggerimenti pratici, ad esempio, sono seguire le indicazioni degli esperti anziché pensare che non si possa fare nulla; parlare di quello che si prova e collaborare con gli altri anziché lamentarsi in continuazione, farsi prendere dal panico o interrompere i contatti; inventarsi nuove routine anziché continuare a pensare negativamente e solo all'emergenza. Il progetto Hemot si concentra sulla preparazione emotiva in caso di catastrofi. Esso è stato sviluppato da un team multidisciplinare di esperti con forte orientamento psicologico, composto da docenti e ricercatori del dipartimento di Scienze umane e avvalendosi di collaborazioni da parte di istituti scolastici del territorio, enti e istituzioni tra cui l’Ordine dei geologi del Veneto e la Protezione civile regionale. •

L.PER.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie