CHIUDI
CHIUDI

17.12.2019

Un hotel a Palazzo Realdi che fu la culla di Cattolica

Palazzo Realdi in via Adua, traversa fra corso Porta Borsari e Sant’Eufemia
Palazzo Realdi in via Adua, traversa fra corso Porta Borsari e Sant’Eufemia

Palazzo Realdi, lo storico immobile veronese nel quale fu fondata Cattolica Assicurazioni nel 1896, è prossimo alla riapertura. Acquistato nel 2018 dal fondo immobiliare Euripide, posseduto al cento per cento da Cattolica, e gestito da Finanziaria Internazionale SGR, lo stabile si trova in via Adua, a due passi da Portoni Borsari. La struttura, risalente al XIV secolo, è stata concessa in gestione alla catena internazionale NH Hotel Group, alla sua prima apertura nella città scaligera, che potrà beneficiare di un hotel 5 stelle completamente ristrutturato. L’albergo, punto di riferimento dell’hotellerie di lusso veronese che ha accolto in passato importanti personalità italiane e internazionali, si estende per 6.250 metri quadrati di superficie coperta ed è dotato di 70 camere, tra le quali 14 Junior suite, sei suite e una suite presidenziale per accogliere la clientela leasure e business. La riapertura dell’hotel pone così fine alla lunga chiusura della struttura, ne settembre dell’anno scorso. Palazzo Victoria era stato inaugurato nell’ottobre del 2012 da Marcello Pigozzo, veterano dell’industria alberghiera, presidente di MPg hotels, con trascorsi ai vertici della Asia Pacific Division, amministratore delegato di Sol Melìa hotels, con trasferte nei Caraibi, negli Stati Uniti, in Medio Oriente e in molte altre parti del mondo, che con i figli Marcello junior e Marco aveva rilevato il Victoria, dandogli il marchio Salviatino collection. Nel 2013 aveva l’hotel aveva inaugurato una suite super lussuosa, «Marcellus», di ben 250 metri quadrati, la più grande di Verona, la più spaziosa del Veneto, destinata ad una clientela particolarmente esigente e con grande capacità di spesa, visto che la suite era in vendita a cinquemila euro a notte. L’anno scorso, in autunno, l’improvvisa chiusura, con l’annuncio della cessione ad un’altra catena alberghiera. La ristrutturazione del prestigioso hotel, realizzata in una lettura contemporanea ed elegante, ha valorizzato gli affreschi e i dipinti ad olio delle sale interne delle suite, le preziose testimonianze archeologiche di epoca romana e le tessiture murarie di epoca medioevale al pianterreno. Il direttore generale di Cattolica Immobiliare, Salvatore Ciccarello, spiega che «il settore hospitality ha acquisito una rilevanza crescente nel portafoglio immobiliare del Gruppo Cattolica. L’acquisizione di palazzo Realdi, oggi completamente ristrutturato e affidato in gestione a un partner serio e affidabile come NH Hotel Group, conferma la nostra volontà di sviluppare questo segmento di business, che ci vede già presenti a Roma, Milano e Bologna». «Per Finint SGR l’operazione è un caso di successo nella valorizzazione di un hotel 5 stelle, finalizzato anche grazie all’esperienza decennale maturata dal nostro team di gestione nel settore hospitality di alto livello», dice Mauro Sbroggiò, AD di Finint Investments SGR. «Con questa operazione gli investimenti dei fondi da noi gestiti in hotel 5 e 4 stelle nelle principali città italiane superano i 400 milioni di euro». Marco Gilardi, Operations Director NH Hotel Group Italia & New York, commenta: «Questo nuovo progetto per noi rappresenta l’affermazione della volontà di continuare ad investire in Italia e valorizzare il territorio attraverso esperienze di altissima qualità. Questo nuovo hotel rappresenterà un luogo di ospitalità eccezionale, per la posizione e per servizi di alto livello tipici della nostra Compagnia, e sarà anche una location in dialogo con la città». Paolo Bedoni, presidente del Gruppo Cattolica Assicurazioni: «Siamo orgogliosi di aver acquisito e rimodernato il palazzo dove è nata la nostra cooperativa. È un segno di attenzione verso la nostra storia, verso Verona e il suo territorio, per il quale siamo un solido punto di riferimento e un volano di crescita economica. Con questa operazione desideriamo dimostrare cosa significhi responsabilità sociale d’impresa, un concetto legato alla nostra identità e allo sviluppo delle comunità in cui operiamo». •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Qual è secondo voi la Grande opera più urgente per la città e che vorreste vedere realizzata per prima?
ok

Necrologie