CHIUDI
CHIUDI

07.01.2020

L'autista del trenino spiega l'incidente «Chiedo scusa»

Il trenino turistico in Bra (Marchiori)
Il trenino turistico in Bra (Marchiori)

«Chiedo scusa a tutti. Sono davvero affranto per quello che è successo. Chi mi conosce sa che sono sempre allegro e generoso, ma quello che è successo di certo mi toglierà il sorriso per qualche tempo. Ringrazio solo il cielo che non sia successo nulla di grave».

Stefano Tessari, l’autista del trenino turistico che domenica sera è finito contro le vetrine di una bottega di via Garibaldi, spiega di avere abbandonato per pochi istanti il veicolo, con a bordo circa 25 turisti, per un atto di solidarietà verso una famiglia avvistata durante i ripetuti giri nello stesso percorso: «Li avevo visti frugare nel cassonetti della Caritas, sono sceso per lasciargli dieci euro ma non ho tirato del tutto il freno a mano».

 

L'articolo completo su L'Arena in edicola

Chiara Bazzanella
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie