CHIUDI
CHIUDI

26.01.2020

L’angelo degli orfani Li seguì a Treblinka

Janusz Korczak cui è dedicata la mostra nel padiglione in piazza Bra
Janusz Korczak cui è dedicata la mostra nel padiglione in piazza Bra

È dedicata al pedagogo Janusz Korczak, la mostra allestita in piazza Bra nel padiglione dell’associazione Figli della Shoah e aperta fino a martedì. Scrittore, educatore e uomo di cultura, dedicò la sua vita ai bambini. E toccanti sono le foto, nella mostra, degli orfani del Ghetto di Varsavia o dei ragazzini che hanno incrociato nella loro vita, trovandone un prezioso alleato, Korczak. La sua opera ispirò la Convenzione dei diritti dell’infanzia ratificata nel 1989 dall’Organizzazione delle Nazioni Unite. Nella mostra, immagini di vita e citazioni delle sue opere completano la biografia di questa figura che scelse di seguire i suoi 192 bambini dell’orfanotrofio di Varsavia nel loro ultimo tragico viaggio che li portò, nell’estate del 1944, nel campo di sterminio di Treblinka. Nato nel 1878, medico al lavoro nell’ospedale dei bambini di Varsavia, dopo la prima guerra mondiale fonda l’orfanotrofio per i figli di operai polacchi e un giornale per ragazzi, firmando opere teatrali a loro dedicate. Negli anni Trenta partecipa alle attività dei movimenti sionisti. Nel 1940 organizza l’ultimo campo estivo per i bambini e segue gli orfani poi nel ghetto di Varsavia fino al 5 agosto 1942 quando è deportato con loro a Treblinka e ucciso. «Abbiamo scelto questa mostra in un momento particolare per i bambini che sono dimenticati soprattutto nei Paesi in guerra e dove è caldo il terrorismo che li usa anche come scudi», spiega Roberto Israel, referente per Verona dei Figli della Shoah. «Fu un grande educatore e pedagogo ebreo, si dedicò ai bambini che sono il fondamento del nostro futuro e non sono nostri oggetti, non possiamo maltrattarli. È tuttora il nostro maestro». •

M.V.A.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Qual è secondo voi la Grande opera più urgente per la città e che vorreste vedere realizzata per prima?
ok

Necrologie