CHIUDI
CHIUDI

23.06.2019

Città antica e Veronetta Alleanza per difenderle

Da sinistra i rappresentanti dei comitati, Niccolini ,  Zanini ,  Abrescia,  Graziani,  e il consigliere  Berardinelli
Da sinistra i rappresentanti dei comitati, Niccolini , Zanini , Abrescia, Graziani, e il consigliere Berardinelli

L’introduzione di un’Area C, in aggiunta e non in sostituzione della Ztl, che coincida con il perimetro delle Mura e che preveda un ticket da pagare per chi non risiede o lavori in questi quartieri, la chiusura notturna al traffico su Rigaste Redentore e dintorni per tutta estate, come accade, pur in orari diversi, nelle serate del Teatro Romano, e nessun passo verso la riapertura della Ztl. E ancora, un utilizzo ordinario dei parcheggi scambiatori vicino ai caselli autostradali, come quello della Fiera, con un servizio di navetta per il centro storico con un biglietto integrato tra park e trasporto. I comitati dei cittadini che risiedono entro le Mura si sono riuniti e hanno redatto una proposta, articolata in otto punti che spaziano dalla viabilità, cruciale, a cultura ed eventi, da sottoporre all’amministrazione comunale e ai cittadini. E quelli sopra sintetizzati sono gli aspetti salienti del piano. Le «Proposte delle associazioni e dei comitati riuniti dei cittadini residenti all’interno delle Mura» comprendono anche l’ invito a rivedere l’organizzazione di mercatini e manifestazioni sportive, «favorendone qualità e delocalizzazione, per limitare congestione, confusione e degrado». Gli otto punti sono stati presentati ieri dai rappresentanti dell’associazione VeroCentro per la città antica, del comitato per la valorizzazione di San Zeno, del comitato quartiere Santo Stefano e del comitato residenti di Veronetta. «Tra raccolte firme, petizioni e sottoscrizioni varie, si rappresentano un migliaio di famiglie. E in questi giorni ci sono molte altre realtà minori e rionali che ci stanno contattando per aderire al confronto», spiega Teo Berardinelli della Lega, consigliere della prima circoscrizione, ma presente «in veste apartitica: da sempre difendo i cittadini senza colore politico e questa è una proposta comune che condivido». «Nell’ultimo decennio, il centro ha visto una drastica diminuzione dei residenti. Per la prima volta, ci siamo incontrati e uniti con l’obiettivo di migliorare le condizioni di chi vive entro le Mura e di invertire questo trend. Puntiamo a fare fronte comune con i commercianti: ci sono molti punti di incontro, speriamo di proseguire in una logica di collaborazione», è intervenuto Michele Abrescia di VeroCentro. «I primi clienti di molti esercizi siamo noi: non vogliamo quartieri dormitorio», ha aggiunto Simone Graziani, vicepresidente del comitato Santo Stefano. «La chiusura notturna delle Rigaste sarebbe un ottimo esercizio per deviare la viabilità di attraversamento verso la circonvallazione: molto più adatta a tale scopo del sito turistico che gravita attorno al Teatro Romano», è il parere di Roberto Nicolini, comitato per Veronetta. La logica che ha riunito i comitati dei residenti entro le Mura è di non risolvere le criticità di un rione scaricandole su quelli vicini ma trovare soluzioni condivise. •

Ilaria Noro
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1