Giornata pedagogica Fism

Caterina e Francesca, due gemelle disabili e diplomate, raccontano agli studenti come mettere a frutto i propri talenti

Festa per i 50 anni di Fism
Festa per i 50 anni di Fism
Festa per i 50 anni di Fism
Festa per i 50 anni di Fism

La sfida dell'inclusione raccontata agli studenti da due gemelle di 19 anni affette da una grave disabilità. È questa l'ultima iniziativa di Fism Verona, la Federazione italiana scuole materne che associa le 175 scuole dell’infanzia paritarie di ispirazione cristiana tra la città e la provincia, che rappresentano l’80 per cento delle materne paritarie del Veronese.

A “salire in cattedra” nel corso dell’anno pedagogico 2021-2022 saranno infatti Caterina e Francesca: due sorelle gemelle, partite proprio da una scuola materna Fism, che nonostante l’estrema difficoltà della loro condizione, lo scorso luglio si sono diplomate e ora non vedono l’ora di mostrare ai piccolissimi come ognuno possa trovare il proprio posto nel mondo mettendo a frutto i propri talenti e le proprie abilità, qualunque essi siano, anche se “diversi”.

Saranno loro stesse grazie alla famiglia, a un’educatrice e a strumenti di comunicazione aumentativa a presentare il progetto durante la Giornata pedagogica di avvio anno che Fism Verona rivolge agli oltre mille genitori che in modo volontario e competente gestiscono le scuole e alle 1.230 fra coordinatrici, insegnanti ed educatrici che ogni giorno a Verona accolgono quasi 15mila bambini tra zero e sei anni. Quest’anno l’appuntamento è per sabato 16 ottobre dalle 9.30 alle 12 nella sede di Fism Verona, in lungadige Rubele, 46, dove saranno presenti il direttivo e le coordinatrici di zona, mentre insegnanti e comitati di gestione, in osservanza delle direttive antiCovid, saranno collegati a distanza.

IL PROGRAMMA. La mattinata, dal titolo «Linee pedagogiche per il sistema integrato Zerosei», prenderà l’avvio con i saluti delle autorità e l’intervento del vescovo monsignor Giuseppe Zenti. L’evento sarà anche l’occasione, per Fism Verona, di presentare la nuova presidente, Luciana Brentegani. Seguiranno gli interventi di Francesca Balli, vicepresidente di Fism Verona e referente del Coordinamento Zerosei, e Laura Campagnari, pedagogista dell’équipe centrale del Coordinamento stesso, che proporranno un approfondimento sulle Linee Guida ministeriali della riforma per il sistema integrato zero-sei, emanate nei mesi scorsi  dalla Commissione nazionale Infanzia. «In questo ambito Fism Verona ha fatto scuola», conferma la presidente Luciana Brentegani.

«Il nostro Coordinamento Zerosei già dal 2017 ha infatti anticipato questa continuità educativa nella fascia d’età zero-sei anni all’interno delle nostre scuole, 74 delle quali hanno anche un nido integrato, mentre altre 24 hanno una sezione “Primavera”. Nel 2015 anche i coordinamenti pedagogici, prima divisi in nidi e infanzia, sono confluiti in un unico coordinamento, che consente di dare continuità alla formazione permanente degli insegnanti e alla metodologia».

I PROGETTI. Infine saranno passati in rassegna gli innovativi progetti promossi da Fism Verona nelle sue scuole: «Real Food – Protagonisti della sostenibilità alimentare», sul recupero delle eccedenze alimentari, con la Cooperativa Panta Rei e in collaborazione con Fondazione Cattolica; lo «Sportello pedagogico» aperto in una trentina di scuole, sostegno per genitori e insegnanti per contrastare l’impatto del Covid nella vita sociale; «Seguendounfilo», laboratori realizzati in 20 scuole sul tema del riciclo e della relazione del bambino con la natura, sostenuti da Fondazione San Zeno; infine, da gennaio, grazie alla collaborazione con il Gruppo Calzedonia, toccherà alle gemelle Caterina e Francesca, impegnate in cicli di due incontri in alcune scuole (tra cui il Centro Infanzia di Calzedonia), far scoprire a grandi e piccini quante opportunità possano nascere dalla diversità.

Suggerimenti