CHIUDI
CHIUDI

21.08.2019

Bus e studenti,
da Atv istruzioni
per l’uso

Nella foto d’archivio, studenti alla fermata dei bus davanti alla stazione
Nella foto d’archivio, studenti alla fermata dei bus davanti alla stazione

Per molte famiglie l’ultimo scorcio del periodo estivo coincide con i preparativi per l’avvio dell’anno scolastico, tra i quali non è certo da trascurare l’aspetto del trasporto pubblico. Quale bus per raggiungere scuola? Quale abbonamento comprare? Dove informarsi sugli orari? «Domande che, insieme a tante altre, puntualmente ad ogni avvio dell’anno scolastico sommergono centralini e caselle mail del nostro Ufficio relazioni con il pubblico», commenta il direttore generale di Atv, Stefano Zaninelli. «Per il nostro servizio, quello che si avvicina è tradizionalmente il periodo più “caldo” dell’anno: gli studenti rappresentano quasi il 45 per cento degli abbonati al servizio urbano (oltre 30 mila giovani) e addirittura l’80 per cento dei viaggiatori abbonati al servizio extraurbano (circa 36 mila). Una piccola città insomma, che ogni mattina si mette in movimento lungo i nostri 4000 chilometri di rete dove viaggiano fino a 180 mila passeggeri al giorno. L’utenza degli studenti per noi è quindi molto importante e ad essa dedichiamo particolare attenzione, anche perché molti di questi ragazzi su un bus per la prima volta. Ci sembra quindi utile riassumere qui di seguito alcune “istruzioni per l’uso”, raccolte sulla base delle domande più frequenti rivolte dall’utenza ai nostri uffici». «L’invito», aggiunge il direttore Zaninelli, «è anche quello di attivarsi quanto prima per rivolgersi agli sportelli, evitando di attendere i giorni a ridosso dell’inizio delle scuole, con l’inevitabile rischio di code e disagi». Il trasporto offerto da Atv all’utenza scolastica prevede, oltre alle ordinarie corse di linea e corse di rinforzo, una rete di servizi speciali mirati sulle esigenze di chi deve raggiungere i diversi poli scolastici di città e provincia. A questo proposito, sul sito web www.atv.verona.it, nella sezione «Linee ed orari - Speciali Scuola» è già possibile consultare gli orari e i percorsi dei servizi speciali scolastici dedicati a ciascun istituto. Entro qualche giorno saranno disponibili anche gli orari generali delle linee urbane ed extraurbane in vigore dal 9 settembre. Una volta individuato il servizio di trasporto che fa per noi, è il momento di abbonarsi. Gli abbonamenti dedicati agli studenti sono il City Mover ridotto, l’Extra Mover ridotto e l’Extra Verona ridotto, che offrono tariffe agevolate rispetto al costo dell’abbonamento ordinario. Inoltre, scegliendo la tipologia di rinnovo annuale, si può risparmiare ulteriormente: nel caso dell’abbonamento urbano, ad esempio, gli studenti sotto i 26 anni che scelgono la tipologia annuale viaggiano a soli 20 euro al mese. Altrettanto per le tipologie extraurbane, dove il risparmio è del 30 per cento rispetto al mensile. Tariffe e sconti per i secondi e terzi figli studenti sono visibili nella sezione «Biglietti ed abbonamenti» del sito www.atv.verona.it. Gli abbonamenti del trasporto pubblico godono della detrazione Irpef del 19 per cento. Ma come ci si abbona per la prima volta al trasporto pubblico? Due le modalità disponibili: online, tramite il il portale e-commerce di Atv, per tutte le principali tipologie di abbonamento; se non si possieda ancora la Mover Card (tessera contactless su cui va caricato l'abbonamento e il borsellino elettronico) basta seguire le istruzioni (in particolare quelle relative alla fototessera) e compilare i campi obbligatori per ricevere la tessera a casa ed effettuare contestualmente l’acquisto dell’abbonamento con carta di credito. Metodo più tradizionale, invece, nelle biglietterie aziendali (Autostazione di Verona Porta Nuova, Piazza Renato Simoni, Autostazione di Garda, Autostazione di Legnago e Autostazione di San Bonifacio) portando con sé una fototessera recente, il codice fiscale e un documento d'identità valido. La Mover card così rilasciata ha validità di cinque anni. Se l'abbonato è minorenne, il documento deve essere quello di chi esercita la patria potestà, mentre il codice fiscale deve essere quello dell'abbonato. Se invece si ha già la Mover Card e si intende semplicemente rinnovare il proprio abbonamento, ci si può affidare, oltre che al portale online e alle biglietterie aziendali, anche ai Mover Point, rivendite autorizzate sul territorio, il cui elenco è consultabile nella pagina «rivendite» del sito Atv e alle emettitrici automatiche.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1