CHIUDI
CHIUDI

02.09.2017

«Bimbi non vaccinati
ghettizzati? Pura
strumentalizzazione»

Manifestazione contro l'obbligo vaccinale
Manifestazione contro l'obbligo vaccinale

«Prendo atto con rammarico della strumentalizzazione di alcune famiglie sul tema vaccini. Dispiace ancora di più che accadano con protagoniste le famiglie con cui avevo avuto un incontro di chiarimento pochi giorni prima». Lo ha detto all’Ansa l’assessore all’istruzione del Comune di Verona, Stefano Bertacco, replicando all’associazione Corvelva, il Coordinamento Regionale Veneto per la Libertà delle Vaccinazioni, che aveva denunciato presunte discriminazioni nei confronti di bambini i cui genitori non avrebbero ancora presentato la documentazione sulle vaccinazioni obbligatorie.

«La richiesta dei documenti entro il 21 agosto - ha precisato Bertacco - è stata fatta solo ed esclusivamente a tutela dei bambini per garantire loro fin dall’inizio dell’anno scolastico una linearità di percorso, che evitasse mutamenti dannosi per il sereno inserimento dei piccoli. La data è stata stabilita per questioni organizzative visto che i nidi hanno aperto il primo settembre, e abbiamo addirittura anticipato la circolare ministeriale diramata nella tarda serata di ieri dal Ministero che chiariva definitivamente quale fosse la documentazione da presentare».

«Alle accuse dì ghettizzazione - ha aggiunto - non vorrei nemmeno rispondere, ma credo sia opportuno che i veronesi sappiano che i bimbi sono stati accuditi, hanno mangiato e sono stati costantemente seguiti da un operatore come da prassi, e con la sensibilità e accuratezza che ogni giorno caratterizza l’operato del personale dell’Istruzione tanto da portare i nostri servizi a livelli di eccellenza».

«Voglio tranquillizzare tutti che fra i principi educativi del nostro personale non è contemplata la crudeltà» ha concluso Bertacco.

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1