L'ondata di freddo eccezionale

Addio al super gelo, torna la pioggia che manca da due mesi. Danni alle colture

.
Gelo sui meli a Villafranca
Gelo sui meli a Villafranca

L'eccezionale ritorno ai climi invernali di questi giorni sta causando pesanti danni all' agricoltura veronese. La scorsa notte sono state registrate nelle campagne quelle che sono probabilmente le temperature più basse dall'inizio dell'autunno.

Secondo i dati Arpav, il picco minimo era stato registrato nel Veronese a gennaio, quando si era scesi a -8 gradi. La centralina che si trova a Palù del Codive, consorzio che riunisce gli agricoltori che stipulano assicurazioni usufruendo delle agevolazioni governative, alle 5.51 di ieri mattina ha segnato, a livello del terreno, -9,5 gradi. Si tratta di un dato record, che probabilmente finirà per segnare l'annata per varie produzioni.

 

Secondo quanto riferisce il presidente dello stesso Codive, Luca Faccioni, ieri mattina, sia a Palù che a Valeggio, Albaredo, Ronco, Oppeano e Cerea e nelle aree limitrofe si vedevano germogli ghiacciati, frutti bruciati e foglie avvizzite. «In questo periodo le viti e i kiwi stanno germogliando e mele e pere sono in piena fioritura», dice Faccioni. «Il gelo potrebbe mettere a rischio la produzione dell’anno, anche se i danni si cominceranno a vedere solo fra una decina di giorni».

 

Le previsioni meteo danno un miglioramento della situazione, con pioggia e temperature più alte. Il nostro meteorologo Alessandro Azzoni su L'Arena di oggi, nelle previsioni del weekend e della prossima settimana, parla di 15-16 gradi di massima già nella giornata odierna, e dell'arrivo di un fronte perturbato da domani che porterà piogge da domenica. Piogge che mancano da molto tempo: dal 9 febbraio.

 

Luca Fiorin

Suggerimenti