CHIUDI
CHIUDI

22.02.2020

Malore in chiesa
Salvata dai medici
ma perde il bimbo

Il Pronto soccorso dell’ospedale di Legnago dove è stata portata la 31enne dopo il malore in chiesa
Il Pronto soccorso dell’ospedale di Legnago dove è stata portata la 31enne dopo il malore in chiesa

Dramma per A.B., una mamma di 31 anni, che vive insieme al marito R.R., di 37, e a i loro due bimbi di cinque e due anni, a Terrazzo.

La giovane, che appena una decina di giorni fa, ormai al termine di una gravidanza tranquilla, si stava preparando  all’arrivo del terzogenito, è viva grazie a due interventi d’urgenza ai quali è stata sottoposta all’ospedale «Mater Salutis» di Legnago in seguito ad uno shock emorragico provocato da un aneurisma dell’arteria splenica che porta il sangue alla milza.

Per il piccolo, invece, nonostante i disperati tentativi dei medici di salvarlo, non c’è stato purtroppo nulla da fare.

 

La 31enne si è sentita male in chiesa. Le amiche accanto a lei, oltre ad avvertire subito il marito a casa in malattia, per non perdere minuti preziosi, l’hanno trasportata immediatamente in auto al Pronto soccorso del «Mater Salutis».

Da qui, la 31enne, ormai priva di sensi e colpita da una grave emorragia, ha raggiunto l’unità operativa di Ostetricia e Ginecologia per essere sottoposta ad un parto cesareo d’urgenza. Una corsa contro il tempo, condotta impeccabilmente dall’équipe medica, ma che nulla ha potuto per il piccolo, nato morto a causa di una prolungata ipossia (carenza di ossigeno). 

 

L'approfondimento sul giornale in edicola

Elisabetta Papa
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie