Violenza sessuale

Tentato stupro
alla sagra,
18enne sotto choc

Violenza sessuale
Tentato stupro nella Bassa
Tentato stupro nella Bassa
Tentato stupro nella Bassa
Tentato stupro nella Bassa

È spuntato improvvisamente dal buio e l’ha afferrata per un braccio, con la potenza di una morsa a cui era impossibile sottrarsi, mentre aveva appena finito di telefonare all’esterno della tensostruttura dov’era in corso la sagra paesana. E, a quel punto, per una 18enne, che stava prestando servizio come volontaria proprio negli stand di una delle tante fiere allestite in questo periodo nella Bassa, è iniziata un’esperienza agghiacciante.

L’aggressore l’ha immobilizzata, serrandole entrambe le braccia. Quindi ha iniziato a baciarla morbosamente e a palpeggiarla su tutto il corpo fino a sfiorarle le parti intime. Ma mentre il giovane, con ogni probabilità straniero, era in procinto di sfilarle i pantaloni, la malcapitata è riuscita a divincolarsi e a fuggire.

La studentessa, tremante e con le lacrime agli occhi, ha raccontato gli angoscianti frangenti da cui era appena scampata ai familiari e agli amici che si trovavano nel padiglione della sagra. Dopodiché ha accusato un malore ed è stata accompagnata a casa.

 

Il fatto, venuto alla luce solo ieri dopo la denuncia contro ignoti presentata dalla studentessa, risale alla notte tra domenica e lunedì scorsi. L'aggressore, stando alla sua descrizione, sarebbe un giovane magrebino, poco più che ventenne, alto circa un metro e 80, con i capelli impomatati di gel e il viso imberbe.

 Sono scattate subito le indagini dei carabinieri.

Stefano Nicoli