San Vito ha la scuola rinnovata Apre con la prima campanella

Le scuole elementari di San Vito al termine dei lavori
Le scuole elementari di San Vito al termine dei lavori
Le scuole elementari di San Vito al termine dei lavori
Le scuole elementari di San Vito al termine dei lavori

Rientro a scuola con taglio del nastro, per gli alunni delle elementari di San Vito di Legnago. Oggi, alle 8.15, nella frazione di sinistra Adige verrà inaugurato l’intervento di riqualificazione energetica ed antisismica del plesso, eseguito dal Comune durante la chiusura estiva. La cerimonia, che si terrà in concomitanza con la campanella d’inizio del nuovo anno scolastico, si svolgerà alla presenza di Enrico Bertoli, dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo Legnago 2, don Nicola Bellinazzo, parroco di San Vito, e degli amministratori comunali. L’inaugurazione è aperta a tutti. Il progetto, approvato ad agosto 2020 dalla Giunta del sindaco Graziano Lorenzetti, dell’importo di 130mila euro, è stato finanziato per intero da un contributo stanziato, a favore di Legnago, dal ministero dell’Interno alla fine del 2019. L’intervento ha previsto, tra le varie lavorazioni, la realizzazione di un cappotto traspirante e di una barriera per bloccare l’umidità che risaliva dal terreno lungo tutte le murature. Il plesso, frequentato da una cinquantina di alunni, si presenta così in una veste rinnovata. «La riqualificazione», sottolinea Roberto Danieli, assessore ai Lavori pubblici, «è stata programmata al termine dell’anno scolastico per consentire all’impresa di eseguire le opere in tutta sicurezza. In questo modo è stato permesso alla ditta di lavorare più celermente, chiudendo il cantiere prima della ripresa delle lezioni». «Il nostro auspicio», conclude l’assessore Danieli, «è che con la scuola sicura da un punto di vista sismico e rinnovata nell’aspetto esteriore, possano aumentare le iscrizioni dei bambini. Mantenendo così attiva un’istituzione da sempre presente nella frazione e per la quale i residenti di San Vito si sono battuti affinché non venisse chiusa».•.

Fabio Tomelleri

Suggerimenti