CHIUDI
CHIUDI

24.01.2020

Operazione Noe Perugia Due veronesi coinvolti

Ci sono anche due veronesi, residenti in provincia, nell’inchiesta dei carabinieri del Noe di Perugia che ha interessato anche il Veneto. I due soggetti, denunciati a piede libero, sono accusati di smaltimento illecito. Si tratta di due «pesci piccoli» dell’inchiesta che ha visto varie misure cautelari ed interdittive nell’ambito di un’indagine della Dda del capoluogo umbro su un’organizzazione criminale dedita allo smaltimento illegale di pannelli fotovoltaici. I militari dell’ Ambiente hanno operato, tra l’altro, nelle province di Padova e Treviso. Nel blitz nazionale sono state sequestrate 12 aziende, coinvolte 38 società e indagate 71 persone che hanno illecitamente operato per conseguire ingiusti profitti in favore delle aziende indagate. A Gualdo Tadino (Perugia), dove è partita l’inchiesta, è stato trovato un considerevole numero di pannelli fotovoltaici dismessi che l’azienda, esibendo documentazione falsa, aveva dichiarato distrutti per le conseguenti operazioni di recupero di Rae. Tuttavia i dispositivi, che risultavano ancora funzionanti, venivano riciclati.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Qual è secondo voi la Grande opera più urgente per la città e che vorreste vedere realizzata per prima?
ok

Necrologie