CHIUDI
CHIUDI

31.12.2019

Tassa sui plateatici, in arrivo il maxi sconto

Tavolini fuori dai locali: la tassa è ridotta al minimo
Tavolini fuori dai locali: la tassa è ridotta al minimo

Un maxi-sconto «scacciacrisi» per gli oltre 150 bar e ristoranti sparsi tra Legnago e frazioni che posizioneranno sedie e tavolini su marciapiedi, strade e piazze. Stavolta è un abbattimento quasi totale del canone per l’occupazione degli spazi ed aree pubbliche (Cosap) quello che, con il nuovo anno, verrà applicato dal Comune ai locali pubblici cittadini. Nell’ultima seduta, infatti, il Consiglio comunale, all’unanimità, ha deciso di rendere ancor più consistente ed appetibile l’incentivo sui plateatici varato per la prima volta dalla passata Giunta dell’ex sindaco Silvio Gandini nel 2006 ed esteso nel 2011 dal suo successore, il leghista Roberto Rettondini, a tutti i mesi dell’anno. In base a quanto stabilito dall’assemblea, dunque, a partire da domani, lo sconto della tariffa giornaliera passerà dal 75 per cento al 90 per cento per quelle categorie, come bar, ristoranti e locali pubblici simili, che più hanno sofferto, negli ultimi anni, il peso della crisi economica. «Sulla base dei dati del 2019», ha spiegato Daniela De Grandis, assessore al Bilancio, «la nuova agevolazione comporterà un minor gettito per il Comune, dal 2020, stimato tra i 4mila e i 5mila euro all’anno. La riduzione, tuttavia, verrà compensata dal buon andamento del gettito annuo del canone, così come è emerso da quanto abbiamo incassato nel 2019. Riteniamo che si possa mantenere questo trend anche per il 2020». «Attraverso questo sconto», ha aggiunto il sindaco Graziano Lorenzetti, «vogliamo favorire la crescita del numero di locali che sfruttano gli spazi esterni per le loro attività. Inoltre, la riduzione del canone punta anche a favorire l’ampliamento dei plateatici esistenti, sempre se vi saranno, nei singoli casi, le condizioni idonee». L’abbattimento del tributo per l’uso di aree pubbliche da parte dei locali è una delle novità della manovra finanziaria del 2020, approvata il Consiglio dopo una «maratona» di nove ore. Durante la «seduta-fiume» i gruppi di minoranza «Legnago Futura» e «Per una città in Comune», oltre allo sconto sulla Cosap, hanno votato assieme alla maggioranza pure la conferma delle aliquote di Irpef, Imu e Tasi, con la sola astensione di Michele Masin (Legnago Futura) su Imu e Tasi. La parte riguardante il bilancio di previsione 2020, invece, ha ottenuto solo il voto favorevole della maggioranza, mentre l’opposizione ha bocciato il provvedimento. La prima manovra dell’«era Lorenzetti», dunque, è stata tarata su un volume di entrate, pari alle uscite, di 46 milioni di euro e conferma tutti i servizi esistenti, in particolare per famiglie, anziani e meno abbienti. «Al settore della cultura», ha evidenziato Lorenzetti, «verranno assegnati 70mila euro in più rispetto al 2019 al fine di creare una regia unica degli eventi, un sistema che funzioni per tutto l’anno. Il volano di tutte queste iniziative sarà il teatro Salieri con la sua Fondazione culturale». Pure il settore sport riceverà più finanziamenti, passando da 151mila a 156mila euro. «Tra le nuove iniziative», ha puntualizzato Luca Falamischia, assessore allo Sport, «ci sarà un’intera settimana dedicata alle bici». All’assistenza sociale di famiglie, anziani e poveri verranno destinati 183mila euro. «Per questo delicato settore», ha annunciato il sindaco, «l’amministrazione intende modificare il regolamento sui finanziamenti: saranno corrisposti assegni sociali in base a progetti specifici e non più distribuiti a pioggia». «Non vediamo una linea politica ben chiara dietro questo bilancio», ha criticato Diego Porfido di «Legnago Futura». Mentre Renato Defendini, di «Per una città in comune», ha ribadito: «La programmazione è debole in varie aree, soprattutto quella delle opere pubbliche. Insomma, non è un bilancio convincente». •

Fabio Tomelleri
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie