CHIUDI
CHIUDI

27.02.2020

«Se la scuola resta chiusa lezioni guidate da casa» Docente lancia proposta

In attesa delle prossime disposizioni governative che, nell’ambito delle misure di contenimento previste per evitare la diffusione del Covid-19, potranno consentire o meno la ripresa delle lezioni in classe, sospese per ora fino a lunedì prossimo, c’è anche chi tra gli insegnanti non perde tempo. E senza tentennamenti, decide di restare vicino ai propri allievi in questa situazione di emergenza, mettendosi a loro disposizione per aiutarli a non rimanere troppo indietro nel programma di studio. È il caso della professoressa Paola Moro, docente di lettere al liceo Cotta di Legnago, che ieri, tramite un post su Facebook, ha contattato gli studenti delle sue quattro classi, la prima «Articolata» dell’indirizzo Classico, la terza B, la quarta B e la quarta C di Scienze umane, per comunicare loro la sua iniziativa. «Oggi ultimo giorno di vacanza», scrive l’insegnante - Non sappiamo se le scuole riapriranno lunedì o se saranno chiuse qualche altro giorno, ma da domani intendo attivare con le mie classi un programma di lavoro guidato a casa. Abbiamo diversi strumenti di lavoro, diamoci da fare. Impegno e responsabilità», conclude la professoressa, spronando i ragazzi. Al momento, l’iniziativa rimane singola, ma nei prossimi giorni, se oltre alle uscite scolastiche ferme fino al prossimo 15 marzo, si arrivasse alla decisione di prolungare il periodo di sospensione delle lezioni, una proposta simile, come del resto già previsto a livello governativo, sarà ufficialmente attuata dalla scuola ed estesa a tutti i ragazzi. «Stiamo aspettando le necessarie disposizioni», sottolinea il dirigente scolastico del Cotta, Lauro Molinaroli, «visto che la situazione è in continua evoluzione. Non si sa ancora se le lezioni potranno riprendere il 2 marzo, ma nel caso in cui non fosse possibile valuteremo in che modo organizzarci, visto anche che qui da noi è già attivo da un paio d’anni il Tip, ovvero il Teacher internet point, che offre supporto agli allievi che per motivi di salute siano costretti ad assentarsi per lunghi periodi». «Nel frattempo però», conclude il preside, «ben vengano anche le singole iniziative che di sicuro non fanno male ai ragazzi».

E.P.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie