CHIUDI
CHIUDI

02.01.2020

Piogge e raffiche di vento sradicano grossa conifera

L’imponente pianta sradicata al parco comunale dal maltempo
L’imponente pianta sradicata al parco comunale dal maltempo

È stata sradicata dal maltempo che ha flagellato nei giorni scorsi Legnago e l’intero territorio. La pioggia caduta in maniera abbondante sulla città ha infatti intriso il terreno del parco comunale di viale dei Tigli. Al punto da rendere instabili le radici di una conifera, alta oltre una decina di metri e piantata oltre una trentina di anni fa nel cuore del «polmone verde» urbano. Il vento forte spirato sul capoluogo della Bassa ha fatto il resto, tanto che il grande sempreverde, che si trova accanto alla Cascina del parco, è piombato al suolo, scoprendo le proprie radici che si estendevano su una base di oltre due metri di diametro. La caduta della pianta, fortunatamente, non ha causato danni a persone o materiali. Inoltre l’albero adagiatosi sul terreno non ha ostruito nessun sentiero interno del parco. Nei prossimi giorni, tramite una ditta specializzata, il Comune provvederà a rimuovere la pianta. «Purtroppo», sottolineano i tecnici del municipio, «le piogge consistenti hanno praticamente liquefatto il terreno. Inoltre le radici dell’albero non erano penetrate in profondità nel suolo. Tutto ciò ha reso la pianta instabile, facendola cadere sotto la spinta delle raffiche più forti».

F.T.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Qual è secondo voi la Grande opera più urgente per la città e che vorreste vedere realizzata per prima?
ok

Necrologie