Lavori pubblici, viabilità e sviluppo: ecco le ricette

Fosca FalamischiaIl municipio di BevilacquaValentino Girlanda
Fosca FalamischiaIl municipio di BevilacquaValentino Girlanda
Fosca FalamischiaIl municipio di BevilacquaValentino Girlanda
Fosca FalamischiaIl municipio di BevilacquaValentino Girlanda

Il 3 e 4 ottobre prossimi anche i residenti di Bevilacqua saranno chiamati alle urne e la campagna elettorale è entrata nel vivo nel piccolo centro dell’Adige Fratta. Ai candidati Fosca Falamischia, primo cittadino uscente, e Valentino Girlanda, ex sindaco dal 2006 al 2016, abbiamo rivolto tre domande su alcune problematiche del paese, scoprendo che hanno visioni e soluzioni completamente diverse per risolverle. Ad iniziare dalle opere pubbliche, che di recente hanno visto la riqualificazione di via e piazza Dante, via del Donatore e vicolo Municipio. L’intervento ha sollevato, però, delle lamentele da parte dei residenti del quartiere. «I lavori di quelle vie non sono ancora terminati per cui riteniamo che le proteste siano puramente strumentali», commenta Falamischia. «Stiamo vedendo il risultato di un lavoro importante proprio in questi giorni e il sentimento dei cittadini è favorevole alle soluzioni scelte». Di diverso parere, invece, è Valentino Girlanda: «I residenti hanno perfettamente ragione. L’intervento si è protratto per un mese senza essere completato, nonostante si trattasse di una semplice asfaltatura, comportando tra l’altro il definitivo restringimento di via Alighieri». «I parcheggi», prosegue Girlanda, «potevano essere collocati altrove nella piazza, con costi e disagi inferiori. Nel 2015, la Giunta che allora guidavo aveva approvato e finanziato un progetto di riqualificazione delle stesse vie, che l’amministrazione uscente non è stata in grado di realizzare». Altro tema caldo riguarda la velocità eccessiva in paese che, nonostante la recente installazione dell’autovelox lungo la Regionale 10, continua ad essere un problema. Anche in questo caso, i candidati propongono soluzioni differenti. «L’autovelox ha lo scopo di tenere sotto controllo la velocità di tutti i mezzi che sfrecciano a velocità pericolose in un’area densamente abitata, dove ci sono molti spostamenti di residenti da e per le proprie abitazioni, nonché molti lavoratori. Riteniamo indispensabile tutelare la loro sicurezza», sottolinea Falamischia. «Nel nostro programma elettorale abbiamo previsto la creazione di passaggi pedonali rialzati in altri tratti di Regionale 10 e Provinciale per Marega, mettendo a frutto le collaborazioni sinora avviate con i dirigenti delle società proprietarie, ossia Veneto Strade e Provincia». Per Girlanda, al contrario, «l'autovelox è utile solo nella porzione di strada antistante l’Aermec, ma non per il tratto che va da via Mattei al Fratta. Il problema potrebbe risolversi semmai solo con il completamento della variante alla Regionale 10. Nell'attesa, prevediamo di creare una bretella di collegamento fra la Regionale 10 e la Provinciale 41, riducendo così il traffico in centro. Aumenteremo la presenza dei vigili urbani e non installeremo altri autovelox». Quali sono i punti di forza delle rispettive liste? «Siamo un gruppo coeso che rema in un’unica direzione ed il nostro sguardo è rivolto alle prossime generazioni. Vogliamo essere amministratori con e per i cittadini e come loro vogliamo lasciare un paese migliore ai nostri figli e nipoti», conclude Falamischia. «In cinque anni di mandato questo obiettivo è stato raggiunto in parte e vogliamo completare il progetto». «La nostra lista è formata da persone competenti e preparate, che hanno l’obiettivo di favorire lo sviluppo di Bevilacqua», sottolinea Girlanda. «Sono stato sindaco, vicesindaco e presidente del G.A.L. e, come ex responsabile dell’area tecnica di alcuni municipi, conosco bene i temi amministrativi». •.

Laura Bronzato

Suggerimenti