La storia

Jesus, la brasiliana
che attraversa
il Veneto a piedi

La storia
Il viaggio di Jesusleny (video Lucio Salgaro)

Ha deciso di percorrere a piedi tutto il Veneto, attraversando i suoi 574 Comuni. È il singolare viaggio intrapreso da Jesusleny Gomes, 34enne di origine brasiliana ma residente in Italia, a Manerba sul Garda (Brescia), da 16 anni. La giovane imprenditrice, che è titolare di un’impresa di consulenza informatica nella zona industriale di Verona, ieri ha fatto tappa nella Bassa, percorrendo la prima tratta veronese del progetto «Su 2 piedi – Te spiego mi come xe fato el Veneto», che si concluderà il prossimo aprile.

Partita di buon mattino da Casaleone, dove ha pernottato in un agriturismo, Jesus è giunta nella città del Salieri nel tardo pomeriggio, dopo aver toccato Cerea, camminando per un lungo tratto sulla Regionale 10. A Legnago, Jesus ha visitato il museo Fioroni con i cimeli della storia cittadina. «Ho contattato la Fondazione tramite Facebook durante il cammino», riferisce Gomes, «e poco dopo mi ha scritto la presidente, Mirella Zanon, dicendomi che mi avrebbe aperto le porte dell’esposizione». Dallo scorso 29 dicembre, quando ha iniziato la sua singolare avventura da Monselice (Padova), con lo zaino in spalla e dotata di una speciale apparecchiatura per la geolocalizzazione ed il telesoccorso, Jesus Gomes percorre infatti, ogni giorno, una media di 35-40 chilometri, attraversando piccoli e grandi centri, in cui non disdegna di scambiare qualche parola con passanti e residenti sia per strada che in qualche locale tipico.

 

«Fino ad oggi», evidenzia l’imprenditrice con un passato da modella e la passione per i lunghi percorsi a piedi, «ho toccato parecchi centri, tra cui Chioggia (Venezia) e varie località della provincia di Rovigo, trovando ovunque molti sindaci che mi hanno voluto incontrare. Così come ho trovato tante persone che mi ha illustrato le bellezze ed i monumenti dei territori attraversati. L’aspetto piacevole di quest’esperienza è proprio quello di poter parlare tanto con l’operaio quanto con il laureato e sentire raccontare le vicende che interessano i vari paesi. Del resto, questo è un modo per spingere gli abitanti a conoscere e a far conoscere la storia del territorio in cui vivono».

Gomes stessa chiarisce lo scopo del suo insolito viaggio: «Voglio raccontare il Veneto per come lo conosco io, ovvero una terra molto diversa da come spesso viene dipinta, fatta di persone aperte e disponibili con chi vuole conoscere le storie e le tradizioni legate al territorio». La 34enne, madre di due figli, è orgogliosa delle sue origini brasiliane, ma si ritiene a tutti gli effetti «una veneta d’adozione». «Questo mio amore per la cultura e le tradizioni venete è il motivo principale che mi ha spinto ad iniziare quest’avventura. Voglio infatti restituire l’amore che questa terra mi ha dato». L’imprenditrice, tappa dopo tappa, tiene costantemente aggiornati quanti seguono la sua impresa attraverso i social network, a cominciare da Facebook dove carica foto e video di persone e luoghi incontrati durante il viaggio.

 

La sua pagina Facebook, aperta 15 giorni fa, ha già registrato 10.500 visualizzazioni ed oltre 5mila followers. «Diverse persone che vedono dove mi trovo mi accompagnano per un pezzo del mio cammino», prosegue Gomes. Dopo la tappa legnaghese, la 34enne ex modella visiterà altri paesi della pianura. Oggi Gomes sarà a Bevilacqua, domani ad Isola Rizza, mentre giovedì sosterrà ad Oppeano, dove verrà salutata dal sindaco Pierluigi Giaretta. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Fabio Tomelleri