Giovani a colloquio con gli imprenditori

Lo stabilimento Coca Cola, una delle 15 imprese aderenti al progetto
Lo stabilimento Coca Cola, una delle 15 imprese aderenti al progetto
Lo stabilimento Coca Cola, una delle 15 imprese aderenti al progetto
Lo stabilimento Coca Cola, una delle 15 imprese aderenti al progetto

Sono aperte le iscrizioni per il nuovo «Open Day» inserito nell’iniziativa «Sei nel Posto Giusto». L’obiettivo è, anche in quest’occasione, instaurare un filo diretto tra i giovani e 15 aziende del Basso Veronese, con il supporto del Comune di Nogara e di altre 18 amministrazioni del territorio. La giornata dedicata ai colloqui conoscitivi tra i ragazzi, sia ancora studenti che già diplomati o laureati, e gli imprenditori è fissata per sabato 10 aprile, dalle 9 alle 13.30, rigorosamente via web nel rispetto delle norme anti Covid 19 mirate a prevenire gli assembramenti e la diffusione dei contagi. I candidati dovranno iscriversi esclusivamente utilizzando il sito www.seinelpostogiusto.it e fornendo tutte le credenziali richieste. Per consentire a tutti di poter aderire, gli organizzatori hanno deciso che ciascun candidato possa colloquiare al massimo con due delle aziende partner del progetto. Le ditte veronesi che hanno dato il proprio supporto a «Sei nel Posto Giusto» sono: Coca Cola HBC Italia, Ball Beverage Pakaging Italia, Alleanza Assicurazioni, Bonferraro spa, Breviglieri-Demetra, Diamant, Direzione 22, Eco Green, Eurocoil, Fresenius Kabi, Hinowa, Prolux, Randstad, Siram Veolia e Sti. La rassegna è nata cinque anni fa da un’idea lanciata dal Comune di Nogara e da Ball Beverage Pakaging Italia, con l’obiettivo di favorire l’interesse dei giovani del mondo della suola superiore e delle università verso le realtà produttive locali. Rispetto alla prima edizione, con il passare degli anni si sono mano a mano unite molte altre aziende di vari settori e anche tanti altri Comuni hanno voluto diventare partner dell’iniziativa. «Anche questa secondo Open Day», sottolinea il sindaco di Nogara Flavio Pasini, «sarà realizzato in modalità virtuale, nel rispetto delle misure anti-Covid. Le aziende sono pronte ad accogliere i candidati che si sono iscritti con l’intento di instaurare un dialogo ed una collaborazione in previsione di un possibile rapporto di lavoro. Per dare l’opportunità di partecipare al maggior numero possibile di persone, abbiamo deciso che ciascun richiedente possa fissare al massimo due appuntamenti con le aziende». «Raccomando ai partecipanti all’Open Day», aggiunge il primo cittadino, «di verificare la propria connessione internet e la massima puntualità per rispettare le tempistiche degli incontri previsti nell’arco della giornata». Sono decine i giovani della Bassa che hanno trovato un lavoro grazie a questa interessante opportunità. Altri, comunque, hanno avuto l’occasione di conoscere realtà produttive rilevanti della zona. E, in molti casi, sono riusciti comunque a trovare un’ occupazione in ditte che lavorano nell’indotto dei vari settori produttivi. L’appuntamento per il prossimo «Open Day» sarà probabilmente fissato nel tardo autunno di quest’anno. E, in quel caso, i promotori si augurano che l’emergenza sanitaria in atto sia conclusa e che si ritorni pertanto ai colloqui in presenza tra i candidati e le varie aziende. •

RI.MI.

Suggerimenti