CHIUDI
CHIUDI

12.07.2019

Guasto alla fibra ottica, grossi disagi

L’ufficio postale di Cologna dove si sono registrati disagi a causa del guasto alla rete
L’ufficio postale di Cologna dove si sono registrati disagi a causa del guasto alla rete

Un grave problema alla fibra ottica manda in tilt per 24 ore privati cittadini, aziende e uffici pubblici tra Minerbe e Zimella. È stato un giorno di passione quello iniziato mercoledì dopo pranzo e conclusosi ieri, poco prima delle 13, con il ripristino dei collegamenti internet. I lavoratori di Cologna e dei Comuni vicini sono rimasti inchiodati davanti agli schermi di computer che non servivano a granché, visto che non potevano comunicare con l’esterno, trasmettere né ricevere dati. Qualche azienda ha avuto pure problemi alla telefonia fissa perché si aggancia alla rete internet per le chiamate telefoniche. «I nostri apparecchi non funzionavano, perciò i pazienti sono dovuti venire di persona a fare le prenotazioni», osserva Giovanni Marogna, coordinatore del centro medico «Dai dotori», in via Cavour a Cologna. «Anche le ricette sono rimaste in stand by. Sono state registrate ma non potevano diventare operative fintanto che la linea non fosse stata riattivata. Se qualche paziente con patologie gravi aveva comunque bisogno del rinnovo delle ricette per avere i medicinali, abbiamo provveduto a mano». Disagi ci sono stati anche al Centro polifunzionale (ospedale) di Cologna. Lo sportello per le prenotazioni non ha potuto accogliere alcuna richiesta e non è stato possibile trasmettere per via telematica dati su analisi e situazioni cliniche dei pazienti. Negli uffici postali di Cologna e Pressana si sono vissuti momenti difficili. Non si poteva fare praticamente nulla, eccetto inviare qualche lettera. Gli impiegati sono stati costretti a dirottare le persone in altri paesi. Quando ormai sembrava che il problema persistesse per l’intera giornata di ieri, a Cologna sono riusciti ad attivare una linea telefonica secondaria per procedere con le operazioni più urgenti. Disagi e limitazioni ci sono stati anche nelle banche e nei pagamenti con il bancomat. «Fortunatamente il nostro sistema Pos non ha risentito del problema perché non è legato alla rete internet», riferivano ieri all’Iperfamila di Cologna. Per il benzinaio dell’Eni, invece, è stata «una grave carenza. Mercoledì pomeriggio e giovedì mattina non funzionavano le carte carburante aziendali e non è stato possibile emettere fatturazioni elettroniche». Alla vicina azienda «Prima Power» si sono affidati al ponte radio, anche se la trasmissione dati era abbastanza lenta e la rete di telefonia fissa andava e veniva. Dall’azienda «Bertolaso» di Zimella sono stati mandati a casa alcuni lavoratori perché i computer non funzionavano. Anche alla «Silitex» di Cologna si sono vissuti momenti di inquietudine: «Non riuscivamo né a scaricare le mail né ad evadere gli ordini», raccontavano ieri mattina dagli uffici della ditta. Negli uffici dei municipi di Cologna, Pressana, Roveredo, Veronella e nell’Unione si è fermato tutto: niente determine, niente pubblicazioni online, niente pagamenti né contatti con fornitori e professionisti. «Ho chiesto all’ufficio competente di chiudere il Coc dell’emergenza sul fiume Guà, ma poi mi sono ricordato che senza internet non era possibile», riferisce il sindaco Manuel Scalzotto. Dopo 24 ore di rabbia e preoccupazione la linea è stata finalmente ripristinata. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Paola Bosaro
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1