CHIUDI
CHIUDI

21.06.2019

Il doposcuola «Grillo parlante» ancora senza casa

Trasferimento rimandato, per il doposcuola «Grillo Parlante». Il servizio, attivo dai primi anni Novanta e gestito dal Comune di Cerea, avrebbe dovuto cambiare sede entro quest’anno scolastico, nonostante la contrarietà delle famiglie, ma una serie di problemi ha intanto posticipato il trasloco. A frequentare la struttura delle elementari di Villaggio Trieste, pagando una retta, sono bambini dai 6 ai 13 anni. A novembre 2018, l’amministrazione comunale annunciò alle famiglie di voler rivedere il servizio per motivi economici. Il Grillo parlante era gestito da tre persone, una dipendente comunale e due educatrici della cooperativa e costava in tutto 90mila euro all’anno, di cui 40mila per lo stipendio della dipendente, 15mila di mensa e 35mila di attività della coop. Il Comune aveva deciso di trasferire la dipendente comunale in un altro ufficio che ne aveva bisogno e di spostare il doposcuola in un’altra sede, sempre stanziando i 50mila euro. Tra i luoghi individuati, l’istituto educativo Piccole suore della Sacra famiglia, dove si trova anche il Centro La Rete. A gennaio però l’istituto non era pronto ad accogliere il servizio e i successivi ritardi nell’approvare il bilancio hanno impedito di firmare il contratto di affitto con l’ente. Quando tutto sembrava pronto, a chiedere di attendere sono stati i vertici dell’istituto perché è in atto una revisione dei servizi. Insomma, al momento non si sa dove il doposcuola riprenderà. «L’amministrazione», ha detto l’assessore ai Servizi sociali Cristina Morandi rispondendo all’interrogazione del consigliere d’opposizione Alessia Rossignoli, «vuole portare a termine quanto promesso, al Centro La Rete, se saranno ancora disponibili o riaprire un dialogo con Piccola Fraternità e Club dei Mitici». Jessica Ambrosi, portavoce dei genitori dei bambini del doposcuola replica: «Ad oggi, l’unica certezza è che Il Grillo ha chiuso. Abbiamo terminato faticosamente l’anno scolastico, tra incertezze e assenza di una comunicazione che rendesse chiari dove si andava a parare. Non si sa dove saremo a settembre». •

F.S.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1